Insegnare l'italiano L2 a distanza: esperienze e progetti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 2. L’applicazione del computer nella didattica: i corsi multimediali off-line I software utilizzati nella didattica possono essere essenzialmente suddivisi in due macrocategorie: i software impiegati come ausilio per incrementare la produttività individuale, ovvero word processor o programmi applicativi che nascono per scopi non didattici ; e i cosiddetti software didattici, che sono specificamente disegnati per l‟insegnamento e lo sviluppo di determinate abilità e competenze10. Mentre si possono trovare numerosi esempi di utilizzo11 nella didattica dei programmi del primo gruppo, ? invece pi? difficoltoso reperire valutazioni comparative dei software didattici in senso stretto: pertanto, risulta maggiormente interessante ai fini di questo studio analizzare i programmi che si inscrivono nel secondo gruppo. L‟area del software didattico ? costituita da un cerchio suddiviso in sei grossi settori circolari di uguali dimensioni, in accordo con la strategia didattica che supportano (Midoro, 1998: 40). Tale cerchio suddiviso, come schematizzato in fig. 1.0, in software che valuta l‟apprendimento, quello che propone esercitazioni, tutoriali che guidano e trasferiscono conoscenza all‟utente, software di simulazione che permette una libera interazione con l‟ambiente didattico, giochi che catapultano l‟utente in un ambiente di fantasia in cui deve raggiungere 10 Fratter (Fratter, 2004) divide i software didattici in: courseware, programmi costruiti su uno specifico e completo percorso di apprendimento; programmi brevi o isolati, programmi non completi di per sé, quindi utili per l‟integrazione e per la focalizzazione su specifiche abilità, ad esempio, linguistiche; programmi autore, programmi come HotPotatoes che permettono al docente di creare percorsi individualizzati per i propri studenti; programmi integrati al testo, programmi che costituiscono un aggiornamento di altri supporti didattici; programmi applicativi, programmi, come ad esempio i word processor, che non nascono per un uso didattico ma che possono essere utilizzati dagli insegnanti come strumento di ausilio nella didattica mediante computer. 11 Per approfondimenti riguardo all‟utilizzo, ad esempio, del word processor nell‟insegnamento della lingua, si fa riferimento ai numerosi lavori di Ferraris sul tema, e in particolare a Degl‟Innocenti, Ferraris (Degl‟Innocanti, Ferraris, 1998); anche Fratter (Fratter, 2004) propone alcuni utilizzi del word processor che potrebbero facilitare il compito del discente nel processo di scrittura di un testo. Si trovano infine riferimenti all‟uso del word processor in classe in Dolci, Porcelli (Dolci, Porcelli, 1999).

Anteprima della Tesi di Alessandra Giglio

Anteprima della tesi: Insegnare l'italiano L2 a distanza: esperienze e progetti, Pagina 11

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Alessandra Giglio Contatta »

Composta da 210 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4715 click dal 20/10/2008.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.