Il combustibile derivato dai rifiuti ed il suo utilizzo nell'industria del cemento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1.2 I dati del cambiamento La situazione relativa ai rifiuti urbani in Italia, all’entrata in vigore del Decreto Ronchi è delineata nella seguente Figura 1.2. I dati presentati, derivano dal secondo rapporto ANPA sui rifiuti urbani, e sono riferiti al 1997. Essi costituiscono il "punto zero" dal quale, attraverso l’attuazione della normativa, si è potuto monitorare l’evolversi, dell’intero sistema gestionale dei rifiuti urbani. Figura 1.2 Rifiuti urbani prodotti in Italia nel 1997. 10 Dalla figura è evidente che già nel 1997 esisteva una disparità nelle metodologie di raccolta dei rifiuti urbani tra il Nord Italia ed il Sud, infatti, le prime esperienze di raccolta differenziata sono state effettuate da comuni nel Nord Italia e questo spiega la percentuale del 17% contro l’1.4% del Sud. Nella successiva Figura 1.3 si possono notare le diverse frazioni merceologiche derivanti dalla raccolta differenziata nel 1997, i materiali maggiormente raccolti sono la carta, il vetro e l’organico, questo anche perché le prime esperienze di raccolta differenziata sono state fatte con tali frazioni merceologiche, e pertanto, prevalentemente al Nord, in quest’anno si rivelano già abbastanza collaudate. 10 Fonte ( ANPA, 1999, “Secondo rapporto sui rifiuti urbani, sugli imballaggi e rifiuti da imballaggio” ) 17

Anteprima della Tesi di Matteo Graffi

Anteprima della tesi: Il combustibile derivato dai rifiuti ed il suo utilizzo nell'industria del cemento, Pagina 10

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Matteo Graffi Contatta »

Composta da 245 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1678 click dal 04/11/2008.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.