Applicazione della metodologia LCA alla vita di un edificio: analisi dell’efficienza ambientale della fase di demolizione e smaltimento delle macerie

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

POLITECNICO DI TORINO 3.Strumenti di Gestione Ambientale 14 L’EPD fornisce dati quantitativi sul profilo ambientale di un prodotto, calcolati secondo la metodologia LCA (di cui si parlerà ampiamente nel paragrafo successivo) ed hanno lo scopo di garantire all’utente interessato obiettività, credibilità e comparabilità. Affinché siano valide è necessaria la verifica di un organismo indipendente. Le informazioni comunicate da un’azienda attraverso l’EPD sono divise in quattro parti fondamentali: - Sezione 1: Descrizione dell'azienda e del prodotto o servizio oggetto dell'EPD; in questa sede l'azienda può comunicare altre eventuali iniziative (oltre la EPD), completate o in corso, in campo ambientale, come ad esempio l'ottenimento della certificazione ISO 14001 - Sezione 2: Dichiarazione della prestazione ambientale del prodotto o servizio; l'azienda comunica al pubblico, attraverso una serie di parametri ambientali standardizzati, il profilo ambientale del proprio prodotto o servizio. In questa sezione sono contenute quindi tutte le informazioni quantitative che possono essere suddivise in: fase di produzione, fase d'uso e fase di fine vita - Sezione 3: Informazioni aggiuntive provenienti dall'azienda; possono essere inserite altre ulteriori informazioni come ad esempio le indicazioni per un uso ecologicamente corretto del prodotto o per il suo appropriato smaltimento - Sezione 4: Informazioni provenienti dall'ente di certificazione; l'ente che certifica la EPD, ed in particolare lo studio di LCA che ne è alla base, comunica in questa parte informazioni riguardanti l'organismo di certificazione stesso ed il periodo di validità della EPD. Le aziende devono interpretare la variabile ambientale non come un problema, ma come un’opportunità, decidendo d’investire risorse umane ed economiche per migliorare le prestazioni ambientali dei propri prodotti. L'azienda interessata implementa la EPD e successivamente Organismi di parte terza si occupano della verifica e della convalida controllando la credibilità e veridicità di dati e informazioni. Gli Organismi in questione devono essere stati accreditati da un Ente di Accreditamento. Si può ritenere che tra gli strumenti di valutazione indicati dalle ISO 14000 esistano evidenti collegamenti; molte informazioni che si ottengono grazie all’audit ambientale (EMAS) infatti possono essere utili per fare una valutazione del ciclo di vita dei prodotti (LCA) e quindi, tramite un report, diventare informazione commerciale del prodotto sotto forma di dichiarazione ambientale (EPD). La messa a regime di questi strumenti infine consente all’azienda di perseguire l’obiettivo di adeguarsi a un sistema di gestione ambientale (SGA).

Anteprima della Tesi di Tiziana Di Carlo

Anteprima della tesi: Applicazione della metodologia LCA alla vita di un edificio: analisi dell’efficienza ambientale della fase di demolizione e smaltimento delle macerie, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Tiziana Di Carlo Contatta »

Composta da 203 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3343 click dal 19/03/2010.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.