Nuovi dati sul comportamento di Sciurus vulgaris merdionalis in Calabria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Per la pulizia del corpo, più frequente in estate, si siede sulle zampe posteriori e inizialmente si lecca le zampe anteriori, strofinandole verso il basso sul naso; poi procede alla pulizia del corpo attraverso la bocca ed utilizzando i denti per pettinarsi, sia sulla parte sinistra che sulla parte destra del corpo, gli arti, il ventre ed infine la coda, dalla base verso la punta. La pulizia termina con le zampe posteriori, con le quali si gratta dietro le orecchie. L’ordine della sequenza di pulizia può variare e allo stesso modo possono presentarsi comportamenti incompleti di pulizia (FERRON & LEFEBVRE, 1982). Gli scoiattoli effettuano anche la cura sociale, una forma di comportamento coesivo che tende a conservare relazioni strette tra gli individui (GURNELL, 1987). Lo scoiattolo può avere un comportamento agonistico (minaccia, fuga, difesa, aggressione, inseguimento, evitazione) quando incontra un altro individuo che gli risulti non familiare sulla base dei suoni, degli odori e dei movimenti (WAUTERS & DHONDT, 1993). Nella popolazione si instaurano relazioni gerarchiche che si realizzano attraverso gli incontri agonistici; il rango sociale è collegato al peso ed all’età (WAUTERS & DHONDT, 1985; ALLEN & ASPREY, 1986). Di conseguenza gli adulti dominano i giovani e i sub-adulti e sono più pesanti dei subordinati. Generalmente i maschi dominano le femmine, sebbene le femmine vecchie possono dominare i maschi più giovani. Ciclicamente con le variazioni della composizione delle popolazioni le relazioni vengono modificate e si formeranno nuove relazioni di dominanza. Sciurus vulgaris vive e nidifica in boschi di conifere e di latifoglie con sottobosco ed in boschi misti di sole latifoglie (BRIGHT, 1987); in montagna è presente fino al limite della vegetazione arborea (TOSCHI, 1965). Preferisce vivere su alberi grandi e maturi i quali gli forniscono abbondanti riserve di cibo in forma di semi o ghiande. Gli alberi scelti come siti di nidificazione hanno cavità o grandi buchi nei loro rami che possono essere usati per la nidificazione. Un nido di alta qualità può essere usato per diversi anni e alcuni individui spesso mantengono diversi nidi per scappare velocemente quando è inseguito dai predatori o per riposare (GURNELL, 1987). Fattori che condizionano gli habitat e la loro selezione da parte dello scoiattolo rosso sono: z la tipologia di copertura arborea e la protezione che offre al nido (GURNELL, 1987); z la disponibilità cibo a livello quantitativo e qualitativo (SMITH, 1968); z la pressione dei predatori (FLOWERDEW, 1987); z la competizione interspecifica per il cibo (SMITH, 1968; GURNELL, 1987); 9

Anteprima della Tesi di Francesco Cristaldi

Anteprima della tesi: Nuovi dati sul comportamento di Sciurus vulgaris merdionalis in Calabria, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Francesco Cristaldi Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 561 click dal 23/03/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.