Skip to content

I Protocolli dei Savi anziani di Sion: storia di un falso antisemita nell'Europa del Novecento

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 9 - conomica e culturale delle nazioni in cui risiedevano. La maggior parte dei ri- formatori riteneva che questa situazione avesse definitivamente eliminato il sen- timento antiebraico, ma purtroppo non era così. Negli ultimi decenni del secolo sorse un‘ostilità ancora maggiore nei confronti degli ebrei per diversi motivi».4 A farsi interprete, intorno al 1870, di questo mutamento culturale e a co- niare per primo il termine ―antisemitismo‖ fu un giornalista tedesco, Wilhelm Marr,5 che lo creò come eufemismo di Judenhass, ―odio degli ebrei‖. Nonostante 4 D. COHN-SHERBOK - L. COHN-SHERBOK, Breve storia dell‟Ebraismo, Bologna 2001, p. 123. 5 Wilhelm Marr (1819-1904) fu un agitatore e un teorico tedesco. Da giornalista disoccupato, sosteneva di aver perso il lavoro a causa dell‘interferenza ebraica. Conservatore politico, fu in- fluenzato dal movimento conservatore pangermanico così come venne esposto da Johann Got- tfried von Herder, che sviluppò il concetto di Volk, e dal movimento del Burschenschaft dell‘inizio del diciannovesimo secolo, che si sviluppò a partire dalla frustrazione tra gli studenti tedeschi, dovuta al fallimento del Congresso di Vienna nel creare uno stato unificato da tutti i territori abitati dal Volk. Quest‘ultimo rigettava la partecipazione degli ebrei e di altre minoranze non tedesche come membri, ―a meno che non dimostrassero di essere ansiosi di sviluppare in se stessi uno spirito cristiano-germanico‖ (una decisione del Congresso del Burschenschaft del 1818). Mentre si opponevano alla partecipazione degli ebrei al loro movimento, come in seguito Heinrich von Treitschke, essi concedevano la possibilità che la minoranza ebraica (e le altre) partecipasse allo Stato tedesco, a patto di abbandonare tutti i segni distintivi di appartenenza et- nica e religiosa e di essere assimilata completamente nel Volk tedesco. Marr fece fare un passo in avanti a queste filosofie, rigettando la premessa dell‘assimilazione come mezzo per cui gli ebrei potevano diventare tedeschi. Nel suo opuscolo Der Weg zum Siege des Germanentums ü- ber das Judentum (La strada verso la vittoria del germanismo sul giudaismo, 1879), introdusse l‘idea che i tedeschi e gli ebrei erano bloccati in un conflitto che andava avanti da molto tempo, le cui origini egli attribuiva alla razza — conflitto che gli ebrei stavano vincendo. Sostenne, i- noltre, che l‘emancipazione ebraica risultante dal liberalismo tedesco aveva permesso agli ebrei di controllare la finanza e l‘industria tedesca e, poiché tale conflitto si basava sulle qualità diffe- renti delle razze ebraica e tedesca, non poteva venire risolto nemmeno dalla totale assimilazione della popolazione ebraica. Secondo Marr, la lotta tra ebrei e tedeschi si sarebbe risolta solo con la vittoria di una delle parti e con la morte definitiva dell‘altra. Una vittoria ebraica, concludeva, sarebbe risultata nella finis Germaniae (la fine del popolo tedesco). Per impedire che ciò si veri- ficasse, nel 1879 Marr fondò la Lega Antisemita (Antisemiten-Liga), la prima organizzazione tedesca impegnata specificamente nel combattere la presunta minaccia posta alla Germania da- gli ebrei, e che sosteneva la loro rimozione forzata dal paese. Benché avesse introdotto una componente razziale pseudo-scientifica nel dibattito sugli ebrei in Germania, è improbabile che sia stato influenzato dalle precedenti teorie di Arthur de Gobineau, autore del Saggio sulla di- versità delle razze umane, 1853, che venne tradotto in tedesco solo nel 1898, un quarto di secolo dopo la comparsa del suo opuscolo. Inoltre, lo stesso Marr fu molto vago su ciò che costituiva la razza e, di conseguenza, sulle differenze razziali tra ebrei e tedeschi, anche se questa divenne una caratteristica della scienza razziale nazista. Restò ai successivi pensatori razziali postulare
Anteprima della tesi: I Protocolli dei Savi anziani di Sion: storia di un falso antisemita nell'Europa del Novecento, Pagina 7

Preview dalla tesi:

I Protocolli dei Savi anziani di Sion: storia di un falso antisemita nell'Europa del Novecento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sara Nocco
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze politiche, comunitarie e delle Relazioni internazionali
  Relatore: Antonio Donno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 207

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antisemitismo
complotto
ebrei
hitler
mussolini
protocolli dei savi anziani di sion
savi anziani di sion
seconda guerra mondiale
sion
sionismo
stermino ebrei

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi