Skip to content

Fedra e l'Usignolo. Riscrittura del mito nel teatro di Timberlake Wertenbaker e Sarah Kane

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
come atto volontario come nel caso di Edipo dove “l‟eletto rappresentativo volontariamente va verso il suo destino, mentre gli altri assistono passivamente con sentimenti di timore, ammirazione e liberazione.”14 Il modulo del sacrificio come atto volontario non solo lo si ritrova nei miti indoeuropei e nei greci in particolare, ma ricorre come topos nelle tragedie di Euripide, e riemerge nella cristianità con l‟agnello che sceglie la morte e col mistero della morte e resurrezione15. Anche l‟erotismo è un tema dominante nel mito: sesso come atto di procreazione e sesso come atto di aggressione. Questi due atteggiamenti sono spiegati dall‟antropologia come moduli standard di azione che definiscono i ruoli di maschio e femmina, figli e genitori, come esperienza attiva o passiva. Il mito delle Amazzoni (le Valchirie per i miti nordici), donne guerriere che combattono contro gli uomini, è un‟inversione di ruoli sorprendente e ancor più sconcertante è il mito che racconta di mogli che uccidono il proprio sposo o padri che uccidono la figlia o figli che uccidono la propria madre. Anche i miti che culminano in una metamorfosi16 starebbero a simboleggiare un cambiamento di status, dove si ripete il modulo del ciclo della natura (morte e resurrezione) e dove, se l‟azione principale è una lotta per il potere e il dominio, chi ne è vittima, trasformandosi, rivendica la propria libertà di esistere. Uno dei moduli minori della metamorfosi è lo stratagemma del travestimento, che ricorre con successo nel mito e sedurrà profondamente il teatro rinascimentale inglese. L‟uso del travestimento affonda le sue radici nella antiche pratiche rituali della religione greca ed appare legato ai riti per la fecondità che caratterizzano il mondo antico e alla congiunzione sessuale come simbolo dello scambio di potere fra un sesso e l‟altro. Tuttavia, nei miti, il confine tra violenza ed erotismo appare sempre molto sfumato. 14 Walter Burkert, Mito e rituale in Grecia, Laterza, Bari, 1996, p.113. 15 Su tale modulo, il rituale del re-sacerdote, si basa lo studio dell‟etnologo inglese James George Frazer (1854- 1941) noto per un‟opera che ebbe grande influenza sulla nascente etnologia e sulla letteratura: The Golden Bough (Il Ramo d’Oro) del 1890. Frazer ha esercitato un profondo influsso sullo studio scientifico del mito per la tesi della priorità del rito rispetto al mito e per le ricerche sui miti e i culti agrari stagionali degli déi morenti e risorgenti che rappresentano i paralleli arcaici del soggetto del Nuovo Testamento e dei riti misterici cristiani. Molto importante è la sua scoperta del mitologema “ritologema” del re stregone responsabile magico del raccolto e del benessere della comunità, che viene periodicamente ucciso e sostituito. Nell‟ambito di questa concezione Frazer studia anche il sacerdote romano del santuario di Diana che, armato di spada, difendeva la sua vita da ogni nuovo venuto (un potenziale successore) che fosse riuscito a spezzare un ramo dell‟albero sacro di Ariccia (identificato col ramo d‟oro di Enea). I miti e i riti descritti da Frazer hanno attratto l‟attenzione – non solo degli etnografi, ma anche degli scrittori – per la problematica della sofferenza umana come cammino verso la morte e il rinnovamento, per il parallelismo tra la vita dell‟uomo e quella della natura, per la ciclicità, corrispondente all‟idea di un eterno moto circolare nella natura e nell‟esperienza umana. 16 Walter Burkert, Mito e Rituale in Grecia, Laterza, Bari, 1996, pp.48-49; “Un cambiamento non di sesso ma di ruoli sessuali è profondamente radicato nella preistoria della scimmia, per sottolineare sottomissione e dominio; così in questo caso neppure la metamorfosi è un semplice volo della fantasia. Infatti essa viene rappresentata in certi rituali di iniziazione della pubertà. Dal momento che la loro funzione è di produrre il maschio completamente adulto, la condizione opposta, che deve essere vinta, è correttamente definita femminile.”
Anteprima della tesi: Fedra e l'Usignolo. Riscrittura del mito nel teatro di Timberlake Wertenbaker e Sarah Kane, Pagina 11

Preview dalla tesi:

Fedra e l'Usignolo. Riscrittura del mito nel teatro di Timberlake Wertenbaker e Sarah Kane

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Duranti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Giovanna Mochi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 228

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anni 90
barbara nativi
drammaturgia inglese
grecia
il corpo
intervista a barbara nativi
lettearatura inglese
mito
mito e tragedia
nuova drammaturgia inglese
rimitologizzazione
ritorno al mito
sarah kane
teatro antico
teatro contemporaneo
teatro della limonaia, firenze
teatro femminile inglese
teatro inglese
timberlake wertenbaker
tragedia greca
women playwriters

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi