Skip to content

Mito e Tragedia nella coreografia di Martha Graham e Virgilio Sieni

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
IX “created a new critical dance language, a new rigour of investigation in responding to dance, and an aestethic sensibility so persuasive and influential that a whole generation of dance viewers and critics alike, from the late 1960‟s to the end of 1980‟s, marveled at the prolific and profound nature of Golden Age of Dance in New York. […] The championing of the American classicists, the permission to be passionate and majestically subjective in dance criticism, the prolonged attention to description and analysis – the virtual inhaling of dances and the reading of dances for what they in themselves could offer up for meaning, for theory, for contextual considerations – these things were their legacy”28. Oltre a questi, di grande interesse, sono stati gli scritti di Sally Banes29, i lavori di Mark Franko30 e di Ramsay Burt31. Mi sono servita, allo stesso tempo, dei contributi alla critica di danza, tra i quali il Bessie (New York Dance and Performance Award) nel 1985, l‟Ernie nel 1998 per Dance/USA e il Guggenheim Fellowship nel 2002. 27 Marcia B. Siegel è critico di danza per la Hudson Review e al Boston Phoenix dal 1996. Ha insegnato presso la Faculty of Performing Arts della New York University dal 1983 al 1999. Tiene conferenze internazionali sulla storia e la critica di danza. 28 Diana Theodores, First we take Manhattan: Four American women and the New York School of Dance Criticism, Harwood Academic Publishers, Amsterdam, 1996, p. XXV. 29 Sally Banes, autrice del celebre Terpsichore in Sneakers. Post-modern dance, pubblicato per la prima volta da Houghton Mifflin Company nel 1980 e poi da Wesleyan University Press, nel 1987, è invece Professor of Theatre and Dance Studies alla Wisconsin-Madison dal 1992 al 1996 e membro del Secretary of Faculty dal 1999 al 2002. 30 Mark Franko è professore presso il Theater Arts Departement dell‟Università di California (Santa Cruz). Franko si è occupato dell‟identificazione della coreografia come teoria ed è noto soprattutto per gli studi sui corpi e coreografie del Rinascimento (The Dancing Body in Renaissance Choreography, Summa, Birmingham 1986) e del primo periodo barocco e per le analisi della danza moderna (Dancing Modernism/Performing Politics, Indiana University Press, Bloomington, Indianapolis, 1995; The Work of Dance. Labor, Movement and Identity in the 1930s, Wesleyan University Press, Middletown, 2002. Ha analizzato i percorsi coreografici come strumento per creare spazi di possibilità sociale e sessuale attraverso la produzione di genere come rappresentazione e di fatto, attraverso lo spazio di azione del coreografo. Si interessa dei rapporti tra danza e politica, poiché ritiene che “il potere non può agire fuori del campo della rappresentazione, e la rappresentazione (con tutte le sue crisi) è materia estetica”. (Cfr. M. Franko, Danza e Politica, in Susanne Franco e Marina Nordera (a cura di), I discorsi della danza, Parole chiave per una metodologia della ricerca, UTET, Torino, 2005, p. 28). 31 Ramsay Burt è Senior Research Fellow presso De Montfort University Leicester, in Inghilterra. E‟ autore di The Male Dancer. Bodies, Spectacles, Sexualities (Routledge, New York-London, 1995) e Alien Bodies: Representation of Modernity, «Race», and Gender in Early Modern Dance (Routledge, New York- London 1998). Insieme a Susan Leigh Foster è tra i fondatori della rivista «Discourses in Dance». I suoi testi, come quelli di Susan Leigh Foster, mettono spesso in campo l‟implicazione soggettiva dell‟autore. Il suo approccio privilegia «genere», in quanto costruzione sociale e culturale della differenza sessuale, e «identità» (che si legge al plurale per accentuare l‟ambiguità e la polivalenza di una categoria che simultaneamente raggruppa l‟identità comune e separa identità individuali, identità multiple) nel teatro-danza contemporaneo.
Anteprima della tesi: Mito e Tragedia nella coreografia di Martha Graham e Virgilio Sieni, Pagina 9

Preview dalla tesi:

Mito e Tragedia nella coreografia di Martha Graham e Virgilio Sieni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Duranti
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Letteratura Scuola di Dottorato Logos e Rappresentazione, studi interdisciplinari di letteratura, estetica, arti e spettacolo. Sezione Comparatistica: teatro, cinema, letteratura, danza
Anno: 2008
Docente/Relatore: Vito Di Bernardi
Istituito da: Università degli Studi di Siena
Dipartimento: Musica e Spettacolo, Facoltà di Arezzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 434

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

clytemnestra
compagnia virgilio sieni
contact improvisation
corpo
corporeità
danza
danza contemporanea
danza moderna
eschilo
il corpo del mito
il gesto
martha graham
mito
modern dance
night journey
orestea
parco butterfly
steve paxton
teatro danza
tragedia greca
trilogia del presente
virgilio sieni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi