Un algoritmo efficiente di cammino minimo per sistemi informativi territoriali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

____________________________________________________________________ _________________________________________________________________ 15 oppure si procede alla costruzione di tale informazione. In tale caso si dovrà ricorrere agli strumenti della cartografia numerica. Infatti, la cartografia di base può essere su supporto cartaceo e/o digitale. La cartografia digitale può essere automatica o numerica. La cartografia automatica, sviluppatasi negli anni ’70, non è altro che una traduzione della cartografia cartacea in formato numerico attraverso o il processo di scansione o il processo di digitalizzazione. Per cui la cartografia automatica è la trasposizione in formato numerico della cartografia tradizionale acquisita con strumenti CAD. La cartografia numerica è un nuovo prodotto che in output può restituire anche la cartografia tradizionale. Sono carte in cui ogni linea è rappresentata come un successione di punti discreti le cui coordinate rappresentano l’informazione digitale dedicata alla georeferenziazione. Ad esse possono essere associate una serie di informazioni di tipo alfanumerico costituendo cosi una banca dati geografica. Risultano in forte crescita le richieste di immagini ottenute mediante telerilevamento (delle quali l’ortofotopiano e la cartografia aerofotogrammetrica costituiscono alcuni prodotti) in particolare quelle di tipo satellitare. Il telerilevamento (remote sensing) è una tecnica di rilievo basata sull’acquisizione dell’informazione dell’oggetto rilevato senza essere a contatto con questo. Rientrano nel telerilevamento le acquisizioni da satellite, da aerofotogrammetria, da radar, lidar, sonar. La tecnica si basa sulla rilevazione e registrazione delle onde elettromagnetiche ed acustiche (nel caso del sonar). I sistemi di rilevamento vengono definiti attivi e passivi a seconda che l’impulso dell’onda sia ricevuto da chi l’ha anche emesso oppure sia solamente rilevato ma prodotto da una sorgente naturale. La tecnologia del telerilevamento, in particolare per la produzione di immagini satellitari, si è sviluppata in maniera esponenziale negli ultimi anni fino a garantire tolleranze di precisioni planimetriche oggi anche inferiori a 50 cm, con costi decisamente contenuti.

Anteprima della Tesi di Giancarlo Volpe

Anteprima della tesi: Un algoritmo efficiente di cammino minimo per sistemi informativi territoriali, Pagina 10

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Giancarlo Volpe Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1089 click dal 01/04/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.