Protezione dalle sovratensioni: analisi, scelta e dimensionamento degli SPD

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8  corrente susseguente degli spinterometri lato media tensione dovuta ad una eventuale fulminazione ed intervento degli spinterometri lato MT, che implica la circolazione di una corrente di fulmine verso terra per alcune frazioni di secondo, fino all’intervento delle protezioni della stazione di alimentazione. Tale corrente provoca un incremento del potenziale di terra della rete e un rischio di scarica fra gli apparecchi alimentati in bassa tensione e collegati allo stesso impianto di terra degli spinterometri. La situazione descritta si può avere anche nel caso di scarica tra media tensione e massa di un trasformatore MT/BT con la massa del trasformatore collegata alla terra del neutro;  risonanza dovuta alla contemporanea presenza di componenti capacitive e componenti induttive saturabili. Le sovratensioni sopra descritte sono anche dette “temporanee” e la loro entità è indicata dalla sigla UTOV (TOV è l’acronimo inglese di Temporary OverVoltages). 1.1.2 Sovratensioni di manovra La caratteristica di queste sovratensioni è di avere un andamento oscillatorio smorzato del tipo riportato in figura 2; esse sono associate a rapide modifiche della configurazione della rete elettrica. Figura 2 Esse si possono manifestare al momento della chiusura o dell’interruzione di circuiti induttivi producendo impulsi di notevole ampiezza e con tempi di salita molto brevi, a seguito dell’interruzione di una corrente elevata da parte dei dispositivi di protezione (ad esempio in figura 3 è riportata l’onda impulsiva ricorrente che simula la fusione di un fusibile), per commutazione di circuiti capacitivi (essendo le reti elettriche induttive, la presenza di capacità porta ad avere un circuito risonante LC nel quale le manovre portano a sovratensioni di tipo oscillatorio smorzato). Affinché la tensione di terra dovuta alla corrente di guasto sul primario non si riveli pericolosa, l'impianto di terra sulla bassa tensione deve essere opportunamente dimensionato. In un sistema in bassa tensione a neutro isolato si rende indispensabile la presenza di scaricatori fra il centro stella e la terra o fra le fasi e la terra.

Anteprima della Tesi di Pierluca Russotto

Anteprima della tesi: Protezione dalle sovratensioni: analisi, scelta e dimensionamento degli SPD, Pagina 4

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Pierluca Russotto Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3358 click dal 16/04/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.