Skip to content

Fernando Arrabal y su ''Pánico''

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 Il principio della pan-estetica era quindi il concetto basilare dell‟azione artistica dei fondatori del “movimento” Panico. Si poteva parlare di tutto: filosofia, scienza, scacchi, pittura, poesia, letteratura, cinema, musica, pornografia, politica, matematica, poiché tutto è arte. Esisteva dunque un motto panico che consisteva nel “prendre des materiaux considérés comme méprisables et les élever à la dignité de l‟art. Et en même temps, parallèlement ou vice-versa, prendre l‟art pour le réduire à rien”22. Nonostante ci fosse stato un punto di partenza comune fra i tre fondatori del Panico, appunto quello della “pan-esteticizzazione”, gli obbiettivi furono comunque diversi: per Arrabal ed anche per Topor, l‟arte entra nella vita e se ne impossessa, per Jodorowsky è l‟esatto contrario, è la vita che entra nell‟arte, appropriandosene. Panico è un atteggiamento, un pensiero. Nulla lega i suoi fondatori, nulla li accomuna se non quel momento, e quella contingenza e quell‟esercizio pan- estetico: Je proclame dès maintenant que “panique” n‟est ni un groupe ni un mouvement artistique ou litteraire; il serait plutôt un style de vie. Ou, plutôt, j‟ignore ce que c‟est. Je préférerais même appeler le panique un anti- mouvement qu‟un mouvement. Tout le monde peut se dire panique, se proclamer créateur du mouvement, écrire “la” théorie panique. Chacun peut affirmer qu‟il fut le premier à avoir l‟idée de panique, à inventer le nom, à créer une accadémie panique ou à se nommer président du mouvement23. Su questa impossibilità di definizione del Panico poggia la labile condivisione di contenuti da parte di Arrabal, Jodorowsky e Topor nella decade che va dal 1962 al 1972, anno in cui si è soliti mettere il punto finale a questa esperienza. Si parla, quindi, di iniziative individuali, qualificate come interventi panici. Si tratta di performances pubbliche, invenzioni di Jodorowsky, Arrabal o Topor, come ad esempio il Melodramma Autosacramentale, svoltosi all‟Istituto Americano di Parigi nel 1965, a cui Arrabal e Topor parteciparono solo come spettatori, fornendo, il primo, un testo, ed otto disegni il secondo. A tale proposito Jodorowsky dichiarò in seguito: Di fatto loro dovevano partecipare, però quattro ore prima dello spettacolo mi avvertirono che non sarebbero venuti. Ho dovuto sostituirli al volo. Poi si 22 A. Chesneau, A. Berenguer, Entretiens avec Arrabal. Plaidoyer...,cit., pp. 36-37. 23 F. Arrabal, Le Panique…, cit., p. 53.
Anteprima della tesi: Fernando Arrabal y su ''Pánico'', Pagina 7

Indice dalla tesi:

Fernando Arrabal y su ''Pánico''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Sara Petrini
Tipo: Tesi di Laurea
Anno: 2008-09
Università: Università degli Studi di Macerata
Facoltà: Lettere e Filosofia
Corso: Lingue e Letterature Straniere
Relatore: LucianaGentilli
Lingua: Italiano
Num. pagine: 132

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bosch
caso
confusione
dio pan
el arquitecto y emperador de asiria
la communion solennelle
memoria
metamorfosi
monreal
panico
paul klee
piedra de la locura
pipirijaina

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi