La regolamentazione del settore ferroviario: dal monopolio naturale alla concorrenza

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- 11 - inferiori a quelle corrispondenti all’ottimo sociale. Nel caso del monopolio naturale, viceversa, una sola impresa garantisce un costo di produzione minore rispetto al costo che si determinerebbe nello stesso mercato qualora vi fossero più produttori: il regolatore quindi preferisce mantenere il monopolio piuttosto che aprire il mercato alla concorrenza, cercando però di minimizzare gli effetti negativi in termini di perdita di benessere mediante la regolamentazione dei prezzi. Le ferrovie appartengono a quella categoria di settori definiti industrie a rete, nelle quali un’infrastruttura di base è indispensabile per potere svolgere le attività operative. Nel settore ferroviario tale infrastruttura è costituita innanzitutto dalla rete ferroviaria. Giacché la costruzione di tale infrastruttura comporta notevoli investimenti che si tramutano in costi fissi molto elevati, esiste una barriera all’entrata rilevante che devono affrontare le altre imprese che intendano operare nel settore e che rende improbabile lo sviluppo di un assetto concorrenziale1. Nell’industria ferroviaria l’incidenza dei costi fissi è assai maggiore 1 A metà Ottocento il monopolio naturale non rappresentava la ragione per la quale si adottava un regime di regolamentazione delle ferrovie. In Gran Bretagna in quel periodo le autorità iniziarono a ritenere indispensabile la regolamentazione delle ferrovie perché le compagnie ferroviarie stavano praticando dei prezzi diversi a seconda della categoria di cliente: in altre parole gli operatori del settore ferroviario praticavano la discriminazione dei prezzi ovvero, paradossalmente, la via più efficiente per determinare i prezzi in industrie con alti costi fissi e barriere all’entrata. Le autorità tuttavia considerarono tale condotta come manifestazione di potere di mercato. NICK WILLS-JOHNSON, “Railways and the just price”, Curtin University of Technology, Australia, agosto 2006.

Anteprima della Tesi di Elia Ferrara

Anteprima della tesi: La regolamentazione del settore ferroviario: dal monopolio naturale alla concorrenza, Pagina 11

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Elia Ferrara Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1998 click dal 15/06/2010.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.