La programmazione neurolinguistica nella comunicazione aziendale turistica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 1.3 I presupposti della PNL L’efficace applicazione delle tecniche proposte dalla PNL si basa sull’accettazione di alcuni principi di base (Castelnuovo G. et alii, 2006). Tali principi non vogliono avere un valore dogmatico, si tratta di suggerimenti per interpretare la realtà che forniscono quello che in PNL viene spesso definita “visione potenziante”; adottare questi punti di vista permette di esprimere al meglio le nostre capacità umane. 1.3.1 La mappa non è il territorio Secondo la teoria presa in considerazione, dato che la percezione della realtà è un fenomeno estremamente soggettivo il nostro cervello costruisce una rappresentazione del mondo basandosi sulle informazioni che i nostri sensi ricevono dal mondo esterno. Per agevolare la comprensione di tale processo, si può pensare ad un cartografo che dopo aver effettuato accurate stime geologiche di un territorio compila una mappa. Ma una cartina geografica, per quanto dettagliata ed accurata, non è lo stesso territorio che rappresenta; allo stesso modo, la nostra rappresentazione interna del mondo non coincide con la realtà. La mappa che ognuno di noi ha dentro di sé corrisponde alla sua individualità, formatasi attraverso scelte ed esperienze personali. Per questo motivo non esistono mappe giuste o sbagliate, più oggettive o meno; le mappe possono semplicemente essere più o meno funzionali e potenzianti rispetto agli obiettivi che ci si è proposti. Questo sistema di catalogare la realtà risponde all’esigenza umana di poter disporre di schemi semplificati relativi alle nostre esperienze, in modo da poter riconoscere in pochi istanti situazioni critiche (ad esempio di pericolo) o poter interagire con la realtà attraverso schemi routinari. Ad esempio, trovandoci in un luogo sconosciuto di fronte ad un semaforo rosso, sappiamo esattamente che la cosa giusta da fare è arrestare il veicolo, la nostra mappa mentale sul concetto di semaforo ci fornisce indicazioni su come comportarci con quel particolare semaforo, anche se non l’avevamo mai visto prima. Per questo motivo le mappe mentali semplificano enormemente la

Anteprima della Tesi di Giorgia Salerni

Anteprima della tesi: La programmazione neurolinguistica nella comunicazione aziendale turistica, Pagina 8

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Giorgia Salerni Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2037 click dal 16/04/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.