Analisi della villaggizzazione in Etiopia come processo di territorializzazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO I: ANALISI DEL CONTESTO DELL’ETIOPIA. Figura 1 – Cartina dell’Etiopia Fonte: www.cia.gov 1.1. Geografia dell’Etiopia. L’Etiopia occupa una buona parte del Corno d’Africa. Il paese copre all’incirca 1.127.127 km2 (circa l’Italia) e confina con il Sudan a nord-ovest, con il Kenya a sud-ovest, con la Somalia a sud-est e con l’Eritrea a nord-est. Le prevalenti caratteristiche fitografiche sono principalmente un complesso di montagne massicce e di pianure, divise dalla Great Rift Valley, circondate da bassopiani. L’Etiopia occupa la massa di altipiano più estesa dell’Africa, passando dalla depressione della Dancalia, a 110 m sotto il livello di mare, nella regione Afar (a nord-est), ai circa 4.620 m delle montagne Simiena a nord di Condared ed agli oltre 4.000m del gruppo montagnoso di Arsi-Bale, a sud-est di Addis Abeba. Solo una piccola parte dell’estensione dei confini sono definiti da una configurazione propria, infatti l’Etiopia ha sempre dovuto accordare i suoi confini tramite trattato, soprattutto quelli con la Somalia, per cui le dispute sono durate per più anni. Nel 1950, venne firmato un trattato tramite le Nazioni Unite, in cui si definivano i confini tra le due nazioni. Ma, nel 1960, quando 7

Anteprima della Tesi di Sabrina Tardivo

Anteprima della tesi: Analisi della villaggizzazione in Etiopia come processo di territorializzazione, Pagina 5

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Sabrina Tardivo Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1339 click dal 15/04/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.