Skip to content

Corporate art collection: costo o investimento

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 Acquistare dipinti ed opere significava avere interessi che andavano oltre lo scopo puramente economico, ma trasmettevano un‟immagine di impresa colta, evoluta e socialmente impegnata. Le collezioni d‟arte diventano un bene di grande valore per le imprese, creando un ambiente stimolante e professionale sia per i lavoratori e per i visitatori. Nel 1939 l‟IBM iniziò ad acquistare opere d‟arte americana contemporanea ed a sponsorizzarne le esibizioni. L‟ex Container Corporation of America2, attraverso il presidente Mr.Walter Paepcke, contattò gli artisti Bauhaus per disegnare pubblicità e altre attività relative alle pubbliche relazioni. La politica di Paepcke servì come modello per altri uomini di affari di Chicago attorno agli anni Trenta. Egli fu molto abile nel coinvolgere assieme uomini di affari ed artisti in un grande numero di attività culturali, come la creazione dell‟Aspen Institute nel 19503. Tutti questi sforzi, non solo erano tesi a coniugare arte e design alle moderne tecniche di marketing, ma servivano a far nascere o accrescere l‟interesse delle imprese nei confronti dell‟arte. La società Nabisco (National Biscuit Company), specializzata nella produzione di biscotti e merendine, riunì una grande quantità di stampe che trattavano il tema di ragazzini dell‟epoca Vittoriana che mangiavano biscotti, mentre Steinway e Figli ( azienda leader nella costruzione di pianoforti) contattarono artisti di fama internazionale per preparare i loro cataloghi. Pepsi Cola, Metro Goldwyn Mayer (storica compagnia privata di cineproduzione) ed i laboratori Abbots (industria farmaceutica) si distinsero per il loro supporto alle arti negli anni quaranta. La maggior parte delle collezioni, comunque, nascevano o per 2 La Container Corporation of America (CCA) è stata fondata nel 1926 e produce scatole in cartone ondulato. Walter Paepcke, il suo fondatore, è stato un mecenate delle arti grafiche e di design e sotto la sua guida, è stata creata una notevole collezione di opere d'arte. Oggi la raccolta è esposta al Museo Nazionale di arte americana ed è stato scritto un libro su di essa, “ Arte, design, e la moderna società per azioni”. Sull’argomento si veda: www.wikipedia.org, consultato in settembre 2009. 3 L’Aspen Institute, con sede oggi a Washington DC e centri d'attività ad Aspen (Colorado) e a Wye River (Maryland) nasce nel 1950 e, da allora promuove e favorisce lo sviluppo di una leadership illuminata, formata dal dialogo e in grado di affrontare le sfide della società globale. Le sue attività, come i seminari, i programmi di politica e le conferenze, trattano temi strategici dell'economia e della politica internazionale e nazionale e offrono alla comunità Aspen occasioni di dibattito libero in uno spirito bipartisan e di apertura al dialogo. cfr. www.aspeninstitute.com, sezione “Aspen nel mondo”, 2009.
Anteprima della tesi: Corporate art collection: costo o investimento, Pagina 6

Indice dalla tesi:

Corporate art collection: costo o investimento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Tiziana Santi
Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
Anno: 2008-09
Università: Univesrità Bicocca
Facoltà: Economia
Corso: Marketing management ed analisi di mercato
Relatore: FedericaCodignola
Lingua: Italiano
Num. pagine: 115

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

art
collection
collezioni aziendali
collezionismo d'impresa
corporate
deutsche bank
fondazioni
private banking

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi