Skip to content

Musica tra liturgia e comunicazione

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 splendore e l‟ordine delle cerimonie che vi si celebrano, depurando le celebrazioni dallo stile teatrale che imperversava nelle liturgie di fine XIX secolo. E nelle disposizioni dettate troviamo quelle caratteristiche - la santità, la bontà delle forme e l‟universalità - puntualmente richiamate da ogni pontefice successogli e che ha desiderato argomentare di musica sacra. Dai suoi caratteri conseguono, limpidamente, i generi ammessi nella liturgia: il canto gregoriano, supremo modello della musica sacra, la polifonia classica di matrice palestriniana, il canto moderno in grado di fornire bontà, serietà e gravità alle funzioni liturgiche. Tali forme devono essere completamente a servizio del testo liturgico, senza confusioni, cambiamenti, omissioni. Tutto deve marciare al passo cadenzato delle rubriche sotto l‟impulso della lingua latina e dell‟organo a canne. In altri termini è condannato fermamente come grave abuso far apparire la liturgia secondaria rispetto alla musica; deve essere il contrario, perché la musica non è altro che una parte della liturgia e sua umile ancella. L‟humilis ancilla di san Pio X ha subito, in più di cent‟anni, una profonda metamorfosi semantica4: nobilis ancilla per Pio XI5, sacrae liturgiae quasi administra per Pio XII e munus ministeriale in dominico servitio , definitivamente nobilitata in Sacrosanctum Concilium. L‟evoluzione, si sa, è inarrestabile. Contestualizzando culturalmente l‟evento canto e musica nel nuovo millennio scopriremmo, con curiosità, altri appellativi in grado di aprirci nuovi sentieri, figli della fecondità del rapporto liturgia e musica. Ho articolato il mio lavoro in tre parti. La prima illustrerà i principali e più conosciuti documenti (anche i meno conosciuti a dire il vero) su canto e musica all‟interno del contesto liturgico partendo da Pio XII e gli anni immediatamente precedenti al Concilio Vaticano II per raggiungere i nostri giorni. Il ritmo sarà cadenzato dai diversi pontificati che si sono succeduti, con focus finale sulla situazione della Chiesa italiana. Nella seconda proporrò una riflessione più ampia che tenga conto, in sinossi, delle diverse interpretazioni significate dalla musica liturgica al fine di riassumere lo status quaestionis della materia e proporre un approccio semiotico (e tentare di ricucire qualche strappo). Nella terza parte, 4 Cfr. R. FRATTALLONE, Musica e liturgia. Analisi della espressione musicale nella celebrazione liturgica, “Bibliotheca Ephemerides Liturgicae - Subsidia” 31, Centro Liturgico Vincenziano, Roma 19912, 56. 5 Cfr. PIO XI, Divini cultus sanctitatem. Bolla pontificia (20.12.1928), in AAS XXI(1929), 33-41.
Anteprima della tesi: Musica tra liturgia e comunicazione, Pagina 2

Indice dalla tesi:

Musica tra liturgia e comunicazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Pasquale Giaquinto
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Pontificia Università Lateranense
  Facoltà: Teologia
  Corso: Teologia Pastorale
  Relatore: Dario Edoardo Viganò
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 107

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi