Contributo allo studio del soundscape: la nicchia acustica di Sylvia atricapilla

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 distinguibili e distinti fra loro, senza essere mascherati dal rumore degli altri suoni. Un’altra caratteristica dell’hi-fi soundscape, è quella di avere un “orizzonte acustico” che può estendersi per chilometri. I suoni emanati dalla comunità di un ascoltatore, possono così essere sentiti a una distanza considerevole, rafforzando il senso dello spazio e di posizione. Nel lo-fi soundscape (ambiente post-industriale), i suoni significativi possono essere mascherati fino al punto che la capacità di udire di ogni individuo sia molto ridotta e, dove l’effetto appare molto pronunciato, che un individuo non riesca nemmeno a sentire i suoni provenienti dei suoi stessi movimenti. Quindi, mentre nell’hi-fi soundscape si ha un bilanciamento in termini di intensità, spettro e ritmo, nel lo-fi soundscape questi valori rimangono praticamente costanti creando così un Sound Wall (Schafer, 1977) che isola l’ascoltatore dall’ambiente. Da un punto di vista dello spettro, infatti, il lo-fi soundscape in cui ci ritroviamo a vivere tutti i giorni tende ad avere frequenze molto basse e poco variabili in intensità. Nel descrivere la capacità del soundscape di comunicare informazioni, Truax (1984) descrisse il suono come un mediatore tra l’ascoltatore e l’ambiente. Al deteriorarsi del suondscape, la coscienza dei più sottili suoni ambientali è impoverita in modo proporzionale. Attualmente gli studi sull’acoustic ecology interessano svariate discipline - poste in settori fra loro anche molto diversi -

Anteprima della Tesi di Chiara Tagnani

Anteprima della tesi: Contributo allo studio del soundscape: la nicchia acustica di Sylvia atricapilla, Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze e Tecnologie

Autore: Chiara Tagnani Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 862 click dal 14/05/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.