Identificazione e tipizzazione molecolare di enterococchi vancomicina resistenti (VRE) nell’Azienda Ospedaliera San Camillo-Forlanini

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 alcune circostanze cliniche particolari, come ad esempio interventi chirurgici, o esami invasivi, possono divenire fonte di infezione o aumentare il rischio infettivo. I distretti anatomici attraverso i quali i pazienti possono venire a contatto con gli enterococchi sono: il tratto genito-urinario, l’epidermide e la cavità orale. Soggetti considerati a rischio di infezioni da enterococchi sono: trapiantati, neonati, pazienti con malattie ematiche e immunodepressi (Koch et al., 2003). I meccanismi attraverso i quali gli enterococchi, da pacifici commensali, divengono organismi patogeni per l’uomo non sono ben conosciuti; normalmente gli enterococchi colonizzano il tratto intestinale e sono tenuti sotto controllo dal sistema immunitario dell’ospite. Un’ipotesi potrebbe essere quella che, ad un certo punto, questi organismi, assumano caratteristiche tali da consentire loro di occupare nuovi compartimenti anatomici; potrebbero, in altro modo, approfittare di un improvviso indebolimento del sistema immunitario per iniziare un processo patogeno nei confronti dell’ospite stesso (Gilmore et al., 2002). L’adesione ai tessuti dell’ospite è considerato un fattore fondamentale per l’inizio dell’infezione in molti batteri. Negli enterococchi sono stati identificati diversi fattori di adesione che garantiscono l’attacco alla mucosa intestinale o ad altre superfici epiteliali, facilitando la colonizzazione dell’ospite (Butler et al., 2006). La sostanza aggregante (AS) è uno dei fattori di virulenza degli enterococchi che sembra mediare l’adesione all’epitelio intestinale (Sartingen et al., 2000), a quello renale (Kreft et al., 1992), ai neutrofili umani (Vanek et al., 1999) ed ai macrofagi (Sussmuth et al., 2000).

Anteprima della Tesi di Alessandro Mustazzolu

Anteprima della tesi: Identificazione e tipizzazione molecolare di enterococchi vancomicina resistenti (VRE) nell’Azienda Ospedaliera San Camillo-Forlanini, Pagina 7

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Alessandro Mustazzolu Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3702 click dal 30/04/2010.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.