Il principio di buona amministrazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

materia di concorrenza e aiuti di Stato 5 , dietro sollecitazione di soggetti privati che avanzavano pretese nei confronti della Corte di giustizia rispetto all’amministrazione procedente nei loro confronti” 6 . È comunque importante sottolineare però che le Corti europee non hanno sempre richiamato la buona amministrazione per affermare l’illegittimità di certi atti, ma spesso l’obbligo di utilizzo di buone pratiche da parte dell’amministrazione derivava da altri principi di più chiara configurazione quali, ad esempio, quelli di certezza del diritto e legittimo affidamento 7 . È nella sentenza C-269/90 che il principio di buona amministrazione viene utilizzato, per la prima volta, come parametro di legittimità dell’azione amministrativa. In particolare la Corte afferma che “nei casi in cui le Istituzioni comunitarie dispongano di un potere discrezionale è di fondamentale importanza il rispetto nei procedimenti amministrativi delle garanzie offerte dall’ordinamento giuridico comunitario. Fra queste garanzie si annoverano in particolare l’obbligo dell’Istituzione competente di esaminare in modo accurato ed imparziale tutti gli elementi rilevanti della fattispecie, il diritto dell’interessato a far conoscere il proprio punto di vista e il diritto ad una decisione sufficientemente motivata”. Dal mancato rispetto delle regole enunciate, costituenti appunto espressione di buona amministrazione, la Corte fa discendere 7 5 Vanno qui ricordate le sentenza della Corte di Giustizia dell’8 novembre 1983, cause riunite 96-102, 104, 105, 108 e 110/82; sentenza della Corte di giustizia del 15 marzo 1984, causa 64/82 Tradax Graanhandel BV contro Commissione; sentenza del 10 luglio 1986, causa 46/85, Manchester Steel LTD contro Commissione. Tali sentenze verranno analizzate successivamente. 6 SERIO A. Il Principio di buona amministrazione procedurale Edizioni scientifiche italiane, Napoli, 2008, pag 1 7 Per chiarezza occorre far riferimento alla pronuncia della Corte di Giustizia, sentenza 15 luglio 1970, causa C-45/69, Boerhinger contro Commissione (in cui la Corte accosta la violazione del principio di buona amministrazione all’illegittimo diniego di accesso agli atti) e alla pronuncia del Tribunale, sentenza 15 marzo 2000,causa T-25/95, SA Cementeries contro Commissione (in cui si accosta il principio di buona amministrazione a quello di certezza del diritto).

Anteprima della Tesi di Angelo Tarantino

Anteprima della tesi: Il principio di buona amministrazione, Pagina 3

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Angelo Tarantino Contatta »

Composta da 150 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9294 click dal 23/04/2010.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.