Skip to content

Radio Deejay, R101 e Radio 24 - A confronto tre strategie di successo nel panorama radiofonico nazionale

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 della nostra intima quotidianità e che ci rifornisce docilmente, a comando, di parole e di musica”11. La radio nasce agli albori della società dei consumi e già in quel momento c’è chi la immagina come uno strumento di comunicazione di massa, come un’iniziativa destinata a coinvolgere una fascia di consumatori molta ampia12. Negli stessi anni la radio sbarca anche in Europa, dove si diffonde a partire dal 1924, e proprio negli anni venti il governo inglese, per primo, decide di attivarne il controllo nazionale con la creazione della British Broadcasting Company (poi British Broadcasting Corporation13), dando origine sostanzialmente a un monopolio con la finalità di un vero e proprio servizio pubblico e con l’obiettivo di “educare, informare, intrattenere il pubblico senza cadere nella volgarità e senza concessioni a esigenze commerciali: la BBC non poteva infatti trasmettere pubblicità e doveva reggersi sui soli canoni di abbonamento”14. Le scelte inglesi sono negli anni successivi di stimolo per molti paesi europei, dove sono create analoghe aziende statali di servizio pubblico, tra queste l’Italia, che introduce, fin dall’anno della sua nascita, anche il canone15. Negli anni tra le due guerre la radio registra un enorme sviluppo, detenendo in sostanza il monopolio del sonoro, tanto quanto all’epoca al cinema, ancora muto, si riconosceva quello dello spettacolo visivo. La penetrazione della radio negli USA, in questo senso paese all’avanguardia, comincia subito dopo la prima guerra mondiale e cresce moltissimo negli anni ’20 e ’30 fino a 11 E. Menduni, Il mondo della radio, dal transistor a Internet, il Mulino, Bologna, 2001, pag. 15. 12 Si tratta di David Sarnoff, presidente dell’American Marconi Company, F. Monteleone, Storia della radio e della televisione in Italia, Marsilio, Venezia, 1999. 13 La British Broadcasting Corporation, nata nel 1922, è la più grande società radiotelevisiva del mondo. L’azienda nasce con il nome di British Broadcasting Company come operatore radiofonico ad opera di alcune compagnie di telecomunicazioni (tra cui figuravano società sussidiarie della General Electric e della AT&T) per i primi esperimenti di trasmissioni radio, il cui servizio regolare iniziò il 14 novembre dello stesso anno. Sotto la direzione generale di John Reith diventa l'odierna British Broadcasting Corporation e nel 1932 inizia un servizio di trasmissioni televisive sperimentali; il 2 novembre 1936 diviene il primo operatore televisivo al mondo a fornire un servizio regolare. www.bbc.co.uk. 14 G. Cordoni, P. Ortoleva, N. Verna, Le onde del futuro, Costa & Nolan, Milano, 2006, pag. 36. 15 Il regio decreto del 1924 con il quale nasceva ufficialmente la radio in Italia definiva anche i contenuti della radiodiffusione compresi il sistema dei finanziamenti pubblicitari e i canoni di abbonamento. Si tratta in sostanza di legittimare un doppio finanziamento, un caso peculiare ancora oggi ampiamente discusso.
Anteprima della tesi: Radio Deejay, R101 e Radio 24 - A confronto tre strategie di successo nel panorama radiofonico nazionale, Pagina 7

Preview dalla tesi:

Radio Deejay, R101 e Radio 24 - A confronto tre strategie di successo nel panorama radiofonico nazionale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Davide Giambartolomei
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università Carlo Cattaneo - LIUC
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e direzione d'impresa
  Relatore: Roberta Cocco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 144

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

brand
comunicazione
economia
gruppo 24 ore
gruppo espresso
management
marketing
mondadori
musica
palinsesto radiofonico
r101
radio
radio 24
radio deejay
strategia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi