Skip to content

Paolo Volponi, la ''Letteratura Industriale'' e i ''diversi'' Volponiani

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo I – La “Letteratura Industriale” I.1 Il dibattito sul rapporto Letteratura – Industria Tra la fine degli anni ’50 ed i primi anni ’60, terminato il periodo della ricostruzione postbellica, l’Italia conosce una seconda rivoluzione industriale e si affaccia alla realtà nuova di paese moderno. Le conseguenze sono di enorme portata, sia sulle condizioni materiali della vita degli italiani, sia sull’insieme dei rapporti sociali, dei comportamenti e della mentalità. Tali cambiamenti toccano ovviamente anche la vita culturale e la letteratura che non può certo rimanere estranea alle trasformazioni che riguardano la società italiana. Il periodico letterario più importane per focalizzare i raccordi tra letteratura e società industriale dell’Italia dell’epoca fu, senza dubbio, il “menabò di letteratura”, la rivista diretta da Elio Vittorini ed Italo Calvino, di cui uscirono presso Einaudi dieci fascicoli tra il 1959 ed il 1967. Vittorini intendeva con la pubblicazione della sua rivista, ristabilire a favore della letteratura contemporanea un raccordo critico e problematico con il mondo che stava cambiando; prima ancora che il “menabò” venisse pubblicato infatti, così ne parlava lui stesso: “E vorremmo riuscire a trovare (o a provocare) dei testi che sapessero rinnovare il rapporto con la storia e ripristinarne insieme uno con la natura […] se poi non riusciremo a trovarne, di testi in questo senso, avremo documentato l’impossibilità attuale di averne” 1 La rivista doveva provocare riflessioni critiche con dirette e puntuali sollecitazioni e quindi le sue stesse dimensioni dovevano essere sufficientemente ampie da contenere testi di narrativa “così lunghi che ciascuno di essi dovrebbe poter fare libro a sé”. 2 Sempre nella premessa redazionale sopra citata è espresso il proposito d’affrontare la “crisi della letteratura” partendo dalle condizioni contemporanee, rintracciate nel livellamento delle esperienze della cultura umanistica attraverso le manifestazioni della cultura di massa. Per Vittorini, risolvere la crisi della letteratura significava recuperare (per la letteratura stessa) la capacità di conoscere e riprendere un reale rapporto tra l’uomo ed il mondo in cui esso vive. Il rilancio industriale già avviato stava mutando la società italiana, pertanto la letteratura doveva recuperare tensione e rigore, diventando operativa nella realtà contemporanea e riacquistando lo spirito critico necessario per decifrare una società che stava assumendo la complessa configurazione di paese industriale. Il declino della tradizionale società letteraria nel corso degli anni ’50 suscitava l’esigenza, per i responsabili della rivista “Il Menabò” di pubblicare testi significativi atti a promuovere la comprensione del processo storico-culturale in atto allora in Italia, da poco entrata, come società in rapido sviluppo industriale, nella fase del così detto “miracolo economico”. Dalla fine degli anni ’50 in poi iniziò a fiorire una serie di opere, specialmente di carattere narrativo, che erano ispirate alla nuova realtà industriale. Per verificare se tale nuova produzione 1 E. Vittorini, scrivo libri ma penso ad altro, in “Il Giorno”, 24 Febbraio 1959. 2 E. Vittorini, premessa al Menabò N.1, 1959.
Anteprima della tesi: Paolo Volponi, la ''Letteratura Industriale'' e i ''diversi'' Volponiani, Pagina 3

Preview dalla tesi:

Paolo Volponi, la ''Letteratura Industriale'' e i ''diversi'' Volponiani

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Guida
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Carmine Chiodo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

letteratura contemporanea
letteratura moderna
letteratura industriale
italo calvino
modernità
elio vittorini
narrativa industriale
alienazione
luigi davì
adriano olivetti
letteratura italiana
lucio mastronardi
ottiero ottieri
goffredo parise
paolo volponi
pier paolo pasolini
lavoro industriale
industria
divina commedia
bomba atomica
male
menabò di letteratura
macchina
utopia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi