Skip to content

Cronobiologia ed evoluzione umana: uno studio ecologico dei ritmi circadiani, circatrigintani e circannuali e delle loro influenze sul comportamento umano.

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
nell' Underlab 2 , una struttura abitativa sotterranea che per dimensioni e funzioni, riproduceva una base spaziale planetaria. La ragazza dopo circa un mese comunicando con la direzione del progetto via computer, dimostrava di aver perduto la cognizione esatta del tempo, essendo rimasta indietro di 3 giorni e 14 ore rispetto al calendario solare. Inoltre, dopo 35 giorni di permanenza in isolamento, il ciclo mestruale era scomparso. I SINCRONIZZATORI 1. Aspetti generali Con il termine sincronizzatore, in generale, si intende un dispositivo adatto a predisporre un'ordinata coincidenza temporale tra più eventi, azioni o funzioni. Nel nostro caso specifico permette l'ottenimento di una coincidenza o di un accordo temporale di fasi. In cronobiologia lo studio dei sincronizzatori ambientali come ad esempio la luce e la temperatura, è molto importante, poiché essi entrano a far parte di una complessa intermodulazione tra sistema nervoso centrale (SNC) e sistema endocrino. Aschoff nel 1954 introdusse il concetto di zeitgeber (sincronizzatore), parola composta da zeit che significa tempo e geber che significa donatore. Nel 1965 egli pubblicò i dati di una ricerca rivolta allo studio di soggetti che vivevano in condizione di totale isolamento temporale (condizione free-running), mettendo in evidenza per la prima volta il fenomeno della dissociazione o desincronizzazione interna. Infatti alcuni ritmi che in condizioni di normalità mostravano gli stessi periodi, dopo una ventina di giorni tendevano ad assumere ritmi con periodi completamente diversi. Ad esempio il ritmo sonno- veglia assumeva un periodo di 36 ore, di cui 24 di veglia e 12 di sonno, e la temperatura corporea assumeva un periodo di circa 25 ore. Le ricerche successive replicarono ed anzi arricchirono queste scoperte a conferma di come i sincronizzatori siano capaci di influenzare i ritmi biologici e di modificare i parametri che li caratterizzano, ma che agiscono sempre su un fenomeno endogeno insopprimibile. Tutti i ritmi dei diversi organismi sono soggetti all'influenza di uno o più sincronizzatori che possono essere definiti primari (cioè dominanti) o secondari, in base al ruolo che assumono nei confronti della variabile in esame. L'ordine gerarchico dei sincronizzatori non è rigido ed immutabile e in condizioni particolari i sincronizzatori secondari possono assumere un ruolo di priorità a scapito di quelli primari che diventano subordinati. I ritmi tendono ad assumere la frequenza (anche multipli o sottomultipli interi) dei sincronizzatori dominanti, i quali corrispondono in genere con i ritmi dell'ambiente e sono in grado di trascinare i ritmi endogeni, fenomeno che a volte dà luogo ad un effetto di mascheramento (Monk, 1989). 10
Anteprima della tesi: Cronobiologia ed evoluzione umana: uno studio ecologico dei ritmi circadiani, circatrigintani e circannuali e delle loro influenze sul comportamento umano., Pagina 7

Indice dalla tesi:

Cronobiologia ed evoluzione umana: uno studio ecologico dei ritmi circadiani, circatrigintani e circannuali e delle loro influenze sul comportamento umano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Mauro De Biaggi
Tipo: Tesi di Laurea
Anno: 1998-99
Università: Università degli Studi di Padova
Facoltà: Psicologia
Corso: Psicologia
Relatore: MarcellaFolin
Lingua: Italiano
Num. pagine: 71

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

geomagnetismo
ghiandola pineale
tradizione popolare
fotoperiodo
sincronizzatori
ritmi circadiani
temperamento
jet-lag
melatonina
astrologia
psicofisiologia
luna
epilessia
stagionalità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi