I servizi sociali: caratteri e profilo giuridico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1956 I.F.S.W. (International Federation of Social Workers). L’operato di Mary Richmond porterà all’introduzione di alcuni fondamenti della deontologia professionale, elaborati poi attraverso una metodologia operativa centrata sul casework 8 . Successivamente con l’avvento della Prima Guerra Mondiale, venne dato un forte impulso al community work 9 che attraverso la crisi del 1929 ebbe una marcata evoluzione, tanto da divenire, tra gli anni quaranta e cinquanta, uno dei metodi del servizio sociale; nello stesso periodo si svilupparono i metodi dell’organizzazione e amministrazione del servizio sociale e della ricerca applicata del servizio sociale, mentre nel secondo dopoguerra, l’O.N.U. promosse un vasto scambio internazionale, diffondendo i metodi del servizio sociale statunitensi ai paesi europei maggiormente colpiti dalla guerra e dalle conseguenze del nazionalsocialismo e del fascismo: questa diffusione porterà a una forte omogeneizzazione culturale, fortemente criticata dai movimenti contestativi sorti alla fine degli anni sessanta, periodo in cui vi fu una profonda revisione critica del servizio sociale e dei suoi metodi. In dottrina si sostiene che le origini storiche dell’assistenza in Italia siano ascrivibili al sorgere del cristianesimo; infatti tramite essa si concreta il principio evangelico di carità verso il prossimo sofferente o in condizioni di difficoltà economica. Inizialmente predominava la forma di soccorso resa al domicilio dei bisognosi e gli ecclesiastici si presentavano come intermediari tra gli indigenti e i benefattori; la carità domiciliare, con il passare del tempo, venne integrata dapprima attraverso il ricovero dei poveri negli eremi conventuali e successivamente negli ospedali e negli ospizi, sempre alle dirette dipendenze ecclesiastiche. Nacquero infatti i primi ospedali della Chiesa: San Luca in Pistoia (1082) e Sant’Antonio in Roma (1312) 10 . attività di politica. IASSW possiede lo status di ente consultivo presso le Nazioni Unite e partecipa nelle attività delle Nazioni Unite a Ginevra, Vienna e New York. 8 Concetto sviluppato da Mary Richmond che indica un processo di analisi di situazioni problematiche che comprende principalmente 3 fasi: studio dei fatti e della situazione, diagnosi sociale della natura del problema, piano ed esecuzione del trattamento in coerenza con la diagnosi. 9 Il modello community work comprende, tutte quelle iniziative che sono rivolte ad una comunità anziché a singoli utenti o a gruppi ristretti ( progetti di animazione del tempo libero, avvio di tavoli di lavoro per una programmazione partecipata dei servizi, azioni per far crescere un dialogo attivo tra persone di culture diverse) e si sviluppò in seguito ad una revisione del case-work e all’evolversi del group-work. 10 N. Onida, Dalla mutua degli operai all’assistenza pubblica. Un secolo e mezzo di storia che ha caratterizzato la vita del paese , Orvieto, 2003, pag 36. 6

Anteprima della Tesi di Simone Poggio

Anteprima della tesi: I servizi sociali: caratteri e profilo giuridico, Pagina 3

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Simone Poggio Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1821 click dal 08/06/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.