L'animazione digitale: storia, linguaggi, tecniche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

riconosciuta e, quindi, riesca a manifestarsi. Essa presuppone sempre uno sguardo spettatoriale, che, però, ha una natura duplice: è il punto di vista dell'autore che la modella, e, contemporaneamente, è il punto di vista dell’osservatore che la riporta in vita. Due sguardi diversi, ma strettamente interdipendenti. Il primo, infatti, subordina il secondo, poiché lo spettatore può vedere la scena rappresentata solo secondo l'ottica scelta dall'artista. Quest'ultimo, però, ha bisogno di sottoporre la sua opera allo sguardo dello spettatore, perché solo così essa può vivere e diventare arte. Il nuovo statuto dell'immagine complica il suo rapporto con la realtà e con l'individuo, che, inizialmente, è sprovvisto dei mezzi per comprenderla e, di fronte ad essa, rimane perplesso, quasi in stato confusionale, perché avverte la rottura con tutto quello cui era abituato, e percepisce che la “nuova” immagine è un punto di non- ritorno. Negli anni Sessanta, la pop-art sconvolge nuovamente i termini della relazione realtà-rappresentazione. Gli artisti trovano ispirazione nei simboli della società dei consumi, negli stimoli visivi che avviluppano l'individuo, creando così un'arte per le masse, con elementi facilmente riconoscibili, dove ogni oggetto, anche il più banale, assurge a opera d'arte perché spersonalizzato. Impossibili da dimenticare, le lattine della zuppa Campbell's ritratte da Andy Warhol. Nella società contemporanea, il tema delle immagini è attuale come non mai, l'uomo, infatti, si trova immerso in un costante flusso d'informazioni iconiche. Come sottolinea Andrea Balzola, «noi oggi viviamo una dissociazione: il pensiero dominante passa ancora attraverso la parola, mentre i comportamenti e la sfera sensoriale sono sempre più plasmati da una 11

Anteprima della Tesi di Linda Barsotti

Anteprima della tesi: L'animazione digitale: storia, linguaggi, tecniche, Pagina 11

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Linda Barsotti Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14232 click dal 03/06/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.