Skip to content

Sintesi e simulazione di un modello per la gestione dei flussi energetici in un veicolo ibrido.

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Problematiche ambientali ed energetiche e sviluppo dei veicoli ibridi 5 aumentati. Una componente dominante dell'inquinamento atmosferico è notoriamente costituita dalle emissioni dei veicoli a motore ed in particolare di quelli circolanti nell'ambito urbano. Per questo motivo occorre cambiare la cultura generale in tema di trasporti, in particolare indirizzando le scelte future verso vettori meno inquinanti, favorire il trasporto pubblico e adottare formule alternative. Nell'Unione Europea e in Italia il 40% del consumo totale di energia da parte dei trasporti è dovuto in effetti al trasporto urbano. Allo stato attuale quest'ultimo dipende per il 95% da una singola fonte di energia, il petrolio, che peraltro espone l'intera vita economica ai rischi del mercato internazionale di tale vettore energetico. Nel caso del petrolio, la crescita rapida e tumultuosa della produzione dal secolo scorso fino agli anni 70 (7% in più all'anno) è stata certamente una questione di cose che interagendo tra loro si sono stimolate crescendo sempre di più. Quando si cominciò ad utilizzare il petrolio come combustibile per motori, cominciarono a nascere tanti nuovi usi, ognuno dei quali rinforzava altri usi dello stesso. Dal petrolio si faceva l'asfalto per le strade, il che rendeva possibile usare più macchine, il che rendeva necessario altro petrolio. D'altra parte, per andare sulle strade asfaltate, ci vogliono gomme e ci si accorse che la gomma si poteva fare anche dal petrolio. Questo faceva si che ci fossero ancora più macchine, il che richiedeva più petrolio. Poi qualcuno si è accorto che col petrolio si faceva plastica, i sacchetti del supermercato, medicinali, fertilizzanti, insetticidi e un milione di altre cose, tutte acceleranti la produzione di petrolio. La crescita connessa del consumo di petrolio è stata una cosa sotto molti aspetti apprezzabile e che ha, per esempio, ridotto costantemente i prezzi storici in moneta reale del petrolio fino al 1973 circa, ovvero fino al tempo della crisi del petrolio. Il problema è, come tutti sappiamo, che il petrolio si esaurisce gradualmente e a un certo punto l’aumento della domanda si è scontrato con la limitatezza dell’offerta. Anche il fuoco più intenso deve esaurirsi prima o poi per mancanza di combustibile e la grande fiammata del petrolio, cominciata verso il 1850, poteva durare un paio di secoli al massimo. Oggi siamo già davanti all'inizio del declino. Questa situazione pone le premesse sull'opportunità di diversificare le fonti di energia. L'ambiente risulta così negativamente soggetto al carico di emissioni derivanti dai veicoli con motore a scoppio, considerato che in Europa il 30% circa degli spostamenti in auto coprono una distanza inferiore a 1 km, il 50% inferiore a 3 km e l'80% inferiore a 10 km. In tali condizioni operative il motore termico non può raggiungere temperature ottimali, risultando quindi inefficiente, con penalizzazioni in termini di consumi e di emissioni. La riduzione dell'inquinamento richiede una pluralità di interventi, che vanno dalla razionalizzazione dei bisogni di mobilità all'introduzione di veicoli e combustibili intrinsecamente più “puliti”, ad azioni sulla congestione del traffico, favorendo il trasporto pubblico nelle zone di traffico ad alta intensità ed il trasporto individuale nelle zone in cui il traffico risulta meno
Anteprima della tesi: Sintesi e simulazione di un modello per la gestione dei flussi energetici in un veicolo ibrido., Pagina 8

Preview dalla tesi:

Sintesi e simulazione di un modello per la gestione dei flussi energetici in un veicolo ibrido.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Diego Di Lelio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria delle telecomunicazioni
  Relatore: Antonello Rizzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 161

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

motore termico
piombo-acido
logica fuzzy
nichel-cadmio
nichel-metallo idruro
veicoli ibridi
mild hybrid
litio
simulink
ibrido parallelo
fuel cells
supercondensatori
architettura

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi