Hedge Funds: rischio o beneficio per l'economia?

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 INTRODUZIONE La presente tesi ha ad oggetto il tema degli Hedge Fund, dei quali si è sentito parlare sempre più spesso nell’ultimo decennio, in particolar modo da un anno a questa parte, visti lo scoppio della crisi Americana dei mutui Subprime e le forti ripercussioni che questa ha avuto sull’economia mondiale. Questo fatto ha notevolmente incrementato il mio interesse verso tale argomento, anche perché questi “fondi miracolosi”, sono stati spesso indicati come un ottimo strumento di diversificazione del portafoglio d’investimento. In realtà già al termine degli anni 90’, un eclatante caso di fallimento di un importante Hedge Fund (Long Term Capital Management), aveva messo in luce non solo come questi strumenti avessero una certa rischiosità intrinseca, ma soprattutto come la loro attività potesse incidere fortemente sulla stabilità di un sistema economico nazionale e finanche mondiale. Questi fondi comunque, hanno in genere almeno due obiettivi di base: ottenere risultati di gestione indipendentemente dall’andamento dei mercati finanziari in cui operano (anche se i recenti avvenimenti finanziari hanno smentito la valenza di tale teoria) e contenere il rischio di portafoglio. In linea di principio dunque, si potrebbe affermare che un loro utilizzo all’interno di un portafoglio finanziario ben diversificato, potrebbe rivelarsi molto interessante in un’ottica di riduzione della volatilità e miglioramento del rapporto rendimento/rischio. Sono proprio queste le motivazioni che hanno fatto si che il numero e la dimensione degli Hedge Fund negli ultimi anni sia andato sempre più accrescendosi (in un clima di diffuso ottimismo), attraendo gradualmente un maggior numero di investitori, istituzionali e non, nella speranza di “potenziali” rendimenti elevati. D’altro canto però, è giusto ricordare, che tali fondi hanno una minor trasparenza rispetto ai tradizionali Mutual Funds, proprio in virtù della libertà di cui godono e che sono forme di investimento spesso poco liquide, in quanto la tempistica per disinvestire è poco flessibile.

Anteprima della Tesi di Andrea Mantaroni

Anteprima della tesi: Hedge Funds: rischio o beneficio per l'economia?, Pagina 2

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Mantaroni Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9532 click dal 10/06/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.