Skip to content

Contestazione studentesca e opinione pubblica tra il 1968 e il 1977

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 A guidare il nostro lavoro – scrive Hayden – sta la percezione che la nostra potrebbe essere l’ultima generazione a fare esperimenti con la vita. Siamo però una minoranza. La stragrande maggioranza guarda agli equilibri temporanei della società e del mondo come un motore funzionante in eterno. In questo forse risiede il paradosso evidente; mentre da una parte noi siamo come imbevuti da un senso di urgenza, il messaggio proveniente dalla società è che non esiste alcuna valida alternativa al presente 10 . ¨ da questa constatazione che nasce il famoso (o famigerato, dipende dai punti di vista) Sessantotto. Lo si è definito in molti modi: l’anno mirabilis, la stagione dei capelloni, «l’ultima giornata rivoluzionaria dell’Ottocento» 11 , ma sembra sempre sfuggire alle etichette e alle semplificazioni. Di sicuro, rappresenta il punto di sbocco di importanti processi – come l’imporsi della questione giovanile, della liberazione sessuale e la lotta contro ogni forma di autoritarismo – che investono realtà nazionali diverse, cambiando il volto del mondo contemporaneo. In effetti, il ‛68 è passato alla storia come un fenomeno “globale” per la simultaneità delle agitazioni – dai campus americani ai disordini nel Quartiere latino di Parigi, dalla “primavera di Praga” alle prime facoltà italiane occupate – e per il fatto che i loro protagonisti appartengono ovunque alla stessa generazione e hanno lo stesso status sociale. Oggi in Europa, in America, in Asia, nel primo mondo e nel terzo, chi protesta sono gli studenti. Hanno fondato una “Internazionale” di uomini di 20 anni che proclama gli stessi principi, adora gli stessi maestri, si muove dietro gli stessi slogans, nei campus della California o per le strade di Shangai, sulle rampe di Valle Giulia o nei viali dei Colleges inglesi 12 . Si assiste, quindi, ad un ridimensionamento dello stato-nazione: ad unire i giovani contestatori e i militanti della nuova sinistra non sono i vincoli della terra e della tradizione, ma il mondo nella sua interezza. Secondo Ortoleva, la dinamica del ‛68 internazionale «non pare autorizzare una distinzione rigorosa fra un centro e una periferia» 13 : non è possibile, infatti, individuare un centro propulsore unitario, ma piuttosto dei nuclei distinti animati da idee e obiettivi 10 Il “Manifesto di Port Huron” si trova in Ortoleva, Saggio sui movimenti del 1968 in Europa e in America, cit., p. 233. 11 L’espressione è del sociologo francese Alain Touraine ed è riportata in N. Balestrini, P. Moroni, L’orda d’oro. 1968-1977. La grande ondata rivoluzionaria e creativa, politica ed esistenziale, Milano, Sugarco, 1988. 12 Studenti di tutto il mondo, in “L’Espresso Colore”, 24 marzo 1968. 13 Ortoleva, Saggio sui movimenti del 1968 in Europa e in America, cit., p. 28.
Anteprima della tesi: Contestazione studentesca e opinione pubblica tra il 1968 e il 1977, Pagina 3

Indice dalla tesi:

Contestazione studentesca e opinione pubblica tra il 1968 e il 1977

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Ventimiglia
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Metodi e linguaggi del Giornalismo
  Relatore: PatriziaDe Salvo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 145

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

movimento studentesco
1968
occupazioni universitarie
valle giulia
corriere della sera
1977
contestazione studentesca
unità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi