Skip to content

Contestazione studentesca e opinione pubblica tra il 1968 e il 1977

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 comuni 14 . Lo si potrebbe inquadrare come un movimento policentrico capace di farsi «rivelatore di contraddizioni e di nuovi conflitti che stanno nel cuore di questa società» 15 . La dimensione planetaria della contestazione non sfugge agli organi di informazione che, in tutto il mondo, seguono con un po’ di apprensione tutte le tappe di formazione del movimento. In Italia, il “Corriere della Sera” – quotidiano che, come vedremo, non risparmierà dure critiche agli studenti – parla di «giovani irrequieti per natura», universitari e studenti delle superiori, «alunni delle elementari e delle medie» che dall’Italia alla Svezia, dagli Stati Uniti alla Francia, protestano, scioperano e «fanno chiasso per ragioni diverse» 16 . Il contesto mondiale in cui esplode la protesta è segnato dalla violenza – dalla guerra nel Vietnam alla morte di “Che” Guevara, dall’assassinio di Martin Luther King alla strage di Piazza delle Tre Culture 17 - ovunque si spara e si muore. Il perchØ della morte degli studenti messicani uccisi – si legge in un volantino del Movimento studentesco – è il perchØ dei 400.000 vietnamiti sterminati dal napalm. ¨ il perchØ della morte di Che Guevara, […] è il perchØ dei milioni di morti per fame, malattie, miseria ed indigenza in Asia, Africa e Medio Oriente. ¨ la logica dell’imperialismo, dello sfruttamento, del capitalismo. In quanto sfruttati, violentati nelle coscienze, castrati nelle facoltà creative e impossibilitati nell’esercizio della libertà […] per tutto questo noi diciamo che il massacro degli studenti messicani, dei vietnamiti, dei guerriglieri e delle popolazioni asiatiche e latino-americane è un massacro che coinvolge tutti noi 18 . Un tema particolarmente caro al movimento è proprio il dibattito sul Vietnam, teatro di un conflitto che oppone la piø grande potenza mondiale, gli Stati Uniti, a uno dei Paesi piø poveri del mondo, guidato da quello che, presto, sarebbe diventato uno degli “eroi” degli studenti, Ho Chi Min. Stare dalla parte dei vietnamiti significa sostenere un principio: la ribellione dei popoli contro l’imperialismo. 14 Cfr. Ortoleva, La sfinge ‛68, in L. Bobbio, F. Ciafaloni, P. Ortoleva, R. Rossanda, R. Solmi, Cinque lezioni sul ‛68, Dossier di “Rossoscuola”, n. 1, 1982, pp. 37-49. 15 A. Touraine, Le mouvement de mai ou le communisme utopique, Seuil, Paris, 1968. 16 A. Sensini, Nella scuola italiana poche aule e vita difficile, in “Corriere della Sera”, 20 novembre 1967, p.11. 17 Il 2 ottobre 1968, oltre 10 mila studenti accorsero in Piazza delle Tre Culture (Città del Messico) per partecipare ad una manifestazione antigovernativa: l’intervento della polizia e dell’esercito, per ordine del presidente Gustavo Diaz Ordaz, provocò 300 vittime. 18 G. C. Marino, Biografia del Sessantotto. Utopie, conquiste, sbandamenti, Bompiani, Milano, 2004, p. 255.
Anteprima della tesi: Contestazione studentesca e opinione pubblica tra il 1968 e il 1977, Pagina 4

Indice dalla tesi:

Contestazione studentesca e opinione pubblica tra il 1968 e il 1977

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Antonio Ventimiglia
Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
Anno: 2009-10
Università: Università degli Studi di Messina
Facoltà: Lettere e Filosofia
Corso: Metodi e linguaggi del Giornalismo
Relatore: PatriziaDe Salvo
Lingua: Italiano
Num. pagine: 145

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

movimento studentesco
1968
occupazioni universitarie
valle giulia
corriere della sera
1977
contestazione studentesca
unità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi