Contestazione studentesca e opinione pubblica tra il 1968 e il 1977

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 3. I ribelli di Berkeley L’impulso rivoluzionario che innesca, su scala mondiale, l’ondata contestativa arriva da Berkeley, cittadina della California, sede di un importantissimo polo universitario. ¨ il 1964: il Movimento studentesco americano è ormai attivo da quattro anni. Nato nel 1960, prende ufficialmente avvio nella Carolina del Nord, con l’iniziativa di alcuni studenti neri che organizzano un sit-in di protesta contro la segregazione razziale 35 . Nelle università, come in ogni settore della società americana dell’epoca, sono profonde le disparità sociali tra i figli della borghesia bianca, che hanno i mezzi economici per accedere all’istruzione secondaria, e il proletariato nero. Parallelamente allo sviluppo del movimento per i diritti civili, che rappresenta a tutti gli effetti la scintilla che infiamma i campus universitari negli anni sessanta, nasce l’associazione Student for a Democratic Society (SDS), la piø grande organizzazione studentesca creata negli Usa. Ispirata ai principi del Manifesto di Port Huron, dopo un’iniziale collaborazione con il movimento per i diritti civili negli Stati del Sud, la SDS si configura come un laboratorio di riflessione, di produzione teorica e di sintesi dei diversi temi della contestazione, senza disdegnare l’azione pratica. Il bersaglio principale diventano le università, bollate come classiste e negatrici del diritto a una libera educazione. Ed è qui che gli studenti iniziano quell’attività di smantellamento delle tradizioni che il sociologo Daniel Bell ha definito «la rivoluzione del sapere» 36 . Con questo spirito nasce il movimento per la libertà di parola, il Free Speech Movement, che coinvolge migliaia di studenti che si mobilitano per rivendicare il “potere studentesco”. ¨ un movimento antigerarchico e non violento, che incarna politicamente «qualcosa di analogo a una terza via fra la sinistra tradizionale […] e una improbabile rivoluzione» 37 . Diritti civili, libertà di parola, liberalizzazione sessuale e la guerra nel Vietnam sono i temi che piø ricorrono nelle rivendicazioni degli studenti che, 35 Si veda in proposito M. C. Lavabre, H. Rey, Il ‛68. Una generazione in rivolta, Giunti gruppo editoriale, Firenze, 1998. 36 Cfr. D. Bell, La fine dell'ideologia. Il declino delle idee politiche dagli anni Cinquanta a oggi, SugarCo, Milano, 1991. 37 Lavabre, Rey, Il ‛68. Una generazione in rivolta, cit., p. 11.

Anteprima della Tesi di Antonio Ventimiglia

Anteprima della tesi: Contestazione studentesca e opinione pubblica tra il 1968 e il 1977, Pagina 9

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Antonio Ventimiglia Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1716 click dal 13/06/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.