L'efficienza energetica degli edifici residenziali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 40% dei consumi finali di energia dell'Unione, dei quali gli edifici ad uso residenziale rappresentano il 63% di tutto il settore. Di conseguenza un aumento delle performance energetiche degli edifici potrebbe costituire uno strumento importante per allentare la dipendenza dalle importazioni di energia, e un passo avanti verso i livelli di emissione di anidride carbonica richiesti dai trattati internazionali. In questo senso viene emanata nel 2002 la direttiva numero 91 sull'efficienza energetica degli edifici, completamente recepita nell'ordinamento legislativo degli Stati membri il 4 gennaio del 2006. Statisticamente gli Stati membri con il più alto consumo finale di energia negli edifici residenziali e terziari sono la Germania, il Regno Unito, la Francia e l'Italia; in termini di percentuale espressa dal rapporto tra consumo finale di energia nel settore edilizio e consumo di energia totale, il primato spetta però ai nuovi stati membri dell'Europa orientale. Sono presenti sul territorio europeo circa 196 milioni di abitazioni, delle quali più del 50% sono state costruite prima del 1970, e circa 1/3 tra il 1970 e il 1990. Il tasso annuale di costruzione di nuove abitazioni espresso in percentuale dello stock esistente va dallo 0,3% della Svezia al 3,5% dell'Irlanda, con un tasso medio dell’1,1%, mentre il tasso annuale di rimpiazzo delle abitazioni in Europa è solo dello 0,07%. Per questo motivo l'attenzione maggiore è concentrata sul mantenimento e sulla riqualificazione energetica del parco edifici esistente. Oltretutto bisogna considerare che circa il 70% degli edifici residenziali esistenti hanno più di trenta anni e che la costruzione di circa il 35% risale a più di mezzo secolo fa. Questa considerazione è assolutamente importante se consideriamo che le prime regolamentazioni circa l'efficienza energetica dell'involucro edilizio risalgono ai primi anni settanta, in concomitanza con la prima crisi energetica. Senza considerare che si stima la presenza di oltre 10 milioni di caldaie domestiche vecchie di venti anni con bassissime prestazioni e altissimo impatto ambientale. Migliorare la condizione dei

Anteprima della Tesi di Luca Refrigeri

Anteprima della tesi: L'efficienza energetica degli edifici residenziali, Pagina 4

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Luca Refrigeri Contatta »

Composta da 247 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7299 click dal 15/06/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.