Skip to content

La Direttiva Rimpatri: Test case della procedura di codecisione in materia di immigrazione

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 espressioni, come ―espulsione‖, ―allontanamento‖, ―ritorno‖ e ―rimozione‖, il cui significato varia notevolmente a seconda dello Stato membro considerato. Il termine ―rimpatrio‖ sarà pertanto qui preferito per coerenza con il testo legislativo in oggetto 4 . La Direttiva Rimpatri è stata presentata nel settembre 2005 ed è stata adottata alla fine del 2008 dopo tre anni di difficili negoziazioni. Lo studio di questa misura è particolarmente interessante perché si tratta della prima proposta legislativa in materia di immigrazione a cui è stata applicata la procedura di codecisione. Tale procedura, prevedendo una posizione di parità fra Parlamento e Consiglio, e non più quest‘ultimo come unico detentore del potere legislativo, viene considerata più ―democratica‖. Infatti il Parlamento europeo, istituzione particolarmente attenta al tema della protezione dei diritti fondamentali, non è più solamente consultato ma riveste il ruolo di co-legislatore. Sarà dunque interessante studiare, attraverso l‘analisi comparativa del testo proposto e del testo finale della Direttiva tenendo conto anche degli obiettivi di protezione dei diritti fondamentali fissati negli atti comunitari che ne hanno preceduto la presentazione, se e come l‘applicazione di questa procedura influenzi la redazione di norme comunitarie che riguardano i diritti e lo status dei cittadini dei paesi terzi nell‘Unione europea 5 . La Direttiva Rimpatri rappresenta altresì il test case per valutare il funzionamento di questa procedura dal punto di vista della composizione degli interessi contrastanti. La codecisione, infatti, prevedendo la regola della maggioranza, viene considerata più adatta, rispetto al meccanismo vigente basato sull‘unanimità, al rapido raggiungimento di un accordo per l‘adozione di misure vincolanti sui temi più dibattuti e oggetto di forti contrastati in sede europea 6 . 4 Cfr. commenti dettagliati che accompagnano la Proposta di Direttiva, SEC/2005/1175 del 4.10.2005, p. 3-4: ―In the context of return, the term ―expulsion‖ is frequently used. This proposal does not seek to define this term for two reasons. The current understanding of ―expulsion‖ differs widely between Member States. For some Member States, expulsion is an act which declares entry, stay or residence to be illegal; for other Member States, expulsion is an act which terminates the legality of a previous lawful residence e.g. in cases of criminal offences. Annex I to the 2002 Council Return Action Programme reflects this ambiguous ―dual‖ understanding of the term expulsion and does not arrive at a common definition‖. 5 Il presente lavoro non si occupa direttamente dei diritti dei richiedenti asilo, dei rifugiati e delle persone che beneficiano di protezione internazionale data la loro situazione specifica che richiederebbe uno studio approfondito e separato. 6 La Commissione stessa si è così espressa nella Comunicazione COM/2004/401, p. 4: ―In primo luogo vengono in rilievo i problemi di tipo istituzionale legati alle procedure legislative e ai limiti alla giurisdizione della Corte di Giustizia. Le costrizioni connesse al processo decisionale e all‘attuale
Anteprima della tesi: La Direttiva Rimpatri: Test case della procedura di codecisione in materia di immigrazione, Pagina 3

Indice dalla tesi:

La Direttiva Rimpatri: Test case della procedura di codecisione in materia di immigrazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Emanuela Anna Canetta Rossi Palermo
Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Diritto Internazionale - Curriculum di Diritto dell'Unione Europea
Anno: 2009
Docente/Relatore: Bruno Nascimbene
Correlatore: MarcoPedrazzi
Istituito da: Università degli Studi di Milano
Dipartimento: Diritto Internazionale
Lingua: Italiano
Num. pagine: 275

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

espulsione
direttiva 2008 115
illegali
rimpatri
flussi migratori
schengen
cittadini dei paesi terzi
codecisione
irregolari
ingresso
visti
visto
ingressi
carta europea
immigrazione
direttiva 115/2008
rimpatrio
espulsioni
immigrati
diritti fondamentali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi