Il perdono di se stessi è possibile

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

INTRODUZIONE Il perdono di sé è un argomento poco conosciuto e poco analizzato tanto dalla letteratura psicologica quanto dalla letteratura culturale in genere. E’un concetto spesso utilizzato in modo moralistico o sentimentale, come un suggerimento o un dovere: “devi perdonarti” “non devi pensarci” “è acqua passata”, ma senza saper dire “come” e “cosa” ci si perdona. Quando mi è capitato di sentirne parlare o di leggerne, soprattutto in testi o da persone che si appellavano a sentimenti religiosi, lo ritenevo un argomento appunto letterario o di fede vissuta astrattamente, ora m’accorgo che mi riguarda direttamente nella vita quotidiana, nell’affronto dei miei rapporti con cose e persone. Tutti abbiamo qualcosa di cui perdonarci. Ciò spesso complica la vita con sensi di colpa che la rendono opaca, quando non angosciata. Altre volte, a causa di errate convinzioni sociali e culturali, si è caricati di colpe che non esistono e per le quali non c’è da perdonarsi. Per ovviare a tale rischio è necessario un percorso di conoscenza che renda capaci di giudicare “Chi” è il colpevole e quale sia la “Colpa” da guardare in faccia assumendosene la responsabilità, condizione indispensabile per potersi perdonare, come sostenuto dagli autori e ricercatori che hanno studiato il perdono di sé. 1

Anteprima della Tesi di Giovanna Simonetto

Anteprima della tesi: Il perdono di se stessi è possibile, Pagina 2

Diploma di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Giovanna Simonetto Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2176 click dal 22/06/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.