Skip to content

Una terra separata ai confini del Ducato. Privilegi ed esenzioni della Calciana nel XVIII secolo

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 mentre il lemma frontiera richiama una situazione più fluida e facilmente riconducibile alla sfera militare. È quindi accezione comune nella lingua italiana parlare dell’esistenza di una linea di confine e di una zona di frontiera. Se nei sovrani settecenteschi l’obiettivo fu definire confini chiari, per minimizzare gli incidenti diplomatici in un secolo già costellato di guerre -e di spese- e per gestire meglio le esazioni fiscali, nei fatti constatiamo la presenza di zone in cui l’autorità di riferimento non era sempre chiara, o ve ne erano addirittura diverse 11 . Nelle carte politiche odierne i colori che separano gli Stati sono ben differenti: nella pratica che prevalse fino al XVIII secolo i colori che rappresentavano gli Stati avrebbero dovuto spesso sfumare da un dominio all’altro. Oltre a questo, esistevano numerose enclaves e feudi imperiali ed ecclesiastici che costellavano il territorio europeo, costituendo veri e propri moltiplicatori di confini. Al centro dell’elaborato saranno poste le numerose controversie che si delinearono fra comunità locali, Cremona, Ducato ed i Condomini, cioè l’insieme dei rappresentanti delle famiglie dei principali proprietari terrieri della Calciana. Essendo in gran parte dissidi relativi a esenzioni fiscali ed alloggiamenti militari, l’intreccio fra la questione politica e la questione economica è determinante. Lo studio di queste tematiche ci spingerà a considerare il problema del contrabbando, che, come vedremo nell’analisi del nostro caso, evidenzia quanto il concetto di confine politico sia in realtà parziale, essendo solo una delle tante tipologie di confine definibili. I limiti cronologici scelti sono dettati dai macro-avvenimenti della storia europea: la pace di Utrecht, che pose fine alla guerra di successione spagnola, segnò una cesura per la storia del Ducato di Milano, che passò sotto il dominio austriaco, e -con esso- tutta la Calciana, che da quel momento in poi dovette relazionarsi con il secondo ramo della casa d’Asburgo. Naturalmente non si può prescindere da una presentazione della formazione dei privilegi dei Secco e dal contesto precedente agli eventi analizzati, anche perché il principale strumento per dimostrare nel tempo la validità delle esenzioni godute fu il richiamo costante alle concessioni del XIV-XV secolo. Una significativa digressione sarà anche dedicata all’analisi della difesa delle esenzioni dagli alloggiamenti militari nel contesto della guerra dei trent’anni. Con la conquista, da parte di Napoleone, del nord Italia e con la riorganizzazione del settentrione nella Repubblica Cisalpina e poi nel Regno d’Italia, si chiuse la singolare 11 Per fare un solo esempio, Casetta riporta che Treviglio è amministrativamente e fiscalmente legata al controllo (relativo) del podestà inviato da Milano, mentre per quanto riguarda i processi, può rifarsi ad autorità bresciane o bergamasche. Cfr. CASETTA MARCO, Radici altomedievali e statuti della terra separata di Treviglio, Officina dell’Ateneo, Bergamo, 2008, passim.
Anteprima della tesi: Una terra separata ai confini del Ducato. Privilegi ed esenzioni della Calciana nel XVIII secolo, Pagina 4

Preview dalla tesi:

Una terra separata ai confini del Ducato. Privilegi ed esenzioni della Calciana nel XVIII secolo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio Costantini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia
  Relatore: Livio Licinio Antonielli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 136

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dazio
giunta del censimento
sale
tabacco
esenzioni
calciana
privilegi
alloggiamenti militari
ferma generale
regina della scala
bernabò visconti
cremona
ducato di milano
confine
dazi
contrabbando
grano
secco
repubblica di venezia
confini
torre pallavicina
pumenengo
calcio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi