Skip to content

Il ruolo del consenso informato nella responsabilità medica: una questione aperta anche dopo l'intervento delle Sezioni Unite (Cass., SSUU, 18 dicembre 2008, Giulini)

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Prima di proseguire la nostra ricerca affrontando il tema maggiormente problematico –ossia le conseguenze penali derivanti dal trattamento arbitrario-, è opportuno trattare i requisiti del consenso. Quest‟ultimo, come già si è accennato, è nato per attuare pienamente il fondamentale e imprescindibile diritto di autodeterminazione del paziente in ordine al proprio percorso terapeutico-chirurgico. E‟ evidente però che il consenso può svolgere appieno tale “funzione”, solo se il medico attua un vero e proprio dialogo e confronto con il malato, volto alla reale comprensione della diagnosi e terapia di quest‟ultimo. Ciò che si vuole evitare è che il sanitario si limiti a fare sottoscrivere al paziente un modulo formale, in applicazione di una pratica meramente burocratica. Detto in altri termini, il “consenso informato” non è e non deve essere il “consenso documentato” 6 . E‟ questa una delle dimostrazioni e applicazioni della cd. medicina difensiva, che i medici praticano in misura sempre maggiore come reazione all‟aumento di denunce per malpractice medica da parte dei pazienti. Con tale fenomeno si indica la tendenza dei medici a eccedere in esami e prescrizioni (pur consapevoli della loro superfluità), al fine di evitare un‟eventuale accusa di tipo giudiziario e facendo così passare in secondo piano l‟interesse del paziente. 7 Anche la predisposizione di moduli standard prestampati viene spesso a costituire un mezzo utilizzato dai medici per cautelarsi da possibili denunce penali. Questi ritengono, erroneamente, che la compilazione di tali documenti, magari del tutto generici, corrisponda all‟adempimento del dovere di un‟adeguata informazione nei confronti del paziente (e che, dunque, nessun profilo di colpa potrà essere a loro addebitato). 8 6 Fresa R., La colpa professionale in ambito sanitario, Torino, 2008, pag. 106. 7 La definizione di medicina difensiva data dall‟OTA (Office of Tecnology Assessement), citata da Introna F., Un paradosso: con il progresso della medicina aumentano i processi contro i medici, in Riv. it. med. Leg, 2001, pag. 904, è che questa “si verifica quando i medici prescrivono test, trattamenti o visite oppure evitano pazienti o trattamenti ad alto rischio, primariamente allo scopo di evitare accuse. Quando i medici adottano il ricorso a test, trattamenti, ecc. clinicamente superflui nel caso specifico, praticano la medicina difensiva positiva; quando invece evitano casi difficili e li dirottano altrove, praticano la medicina difensiva negativa”. Si ricorda che la medicina difensiva è un fenomeno che si è diffuso ancor prima negli Stati Uniti. 8 In dottrina, Portigliatti Barbos, Il modulo medico di consenso informato: adempimento giuridico, retorico, finzione burocratica?, in Dir. Pen. Proc., 1998, 7, pag. 894 ss. Si segnala, tra l‟altro, che un modulo generico, il cd. “prestampato standard” ove sono riportate formule rituali sull‟avvenuta trasmissione di informazione complete, adatte per qualsiasi intervento chirurgico, non può soddisfare alcuna esigenza probatoria. In tal senso cfr., ad esempio, Trib. Milano, 24 marzo 2005, Guida al dir., Il
Anteprima della tesi: Il ruolo del consenso informato nella responsabilità medica: una questione aperta anche dopo l'intervento delle Sezioni Unite (Cass., SSUU, 18 dicembre 2008, Giulini), Pagina 5

Informazioni tesi

  Autore: Federica Brugnara
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Professioni Legali
Anno: 2011
Docente/Relatore: Gamberini Alessandro
Istituito da: Università degli Studi di Bologna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi