; Skip to content

I dipinti murali di S. Benedetto in Piscinula a Roma

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
15 riorganizzare i modelli, tenendo in considerazione la volontà dei committenti, sempre più prestigiosi, cercando di creare un corretto equilibrio fra l‟autorità della tradizione romana e le innovazioni stilistiche desunte in special modo dal mondo bizantino 23 . L‟opera di riforma di Gregorio VII, che indubbiamente ebbe una grande influenza sulle arti, non è confortata dalla conservazione di un ciclo pittorico riferibile con certezza al suo pontificato. Difatti non si hanno testimonianze inconfutabili di un legame tra programma ideologico e artistico, come invece è stato ravvisato nell‟abbazia di Montecassino voluta dall‟abate Desiderio. Generalmente il ciclo di dipinti murali conservato nella basilica inferiore di San Clemente viene visto come l‟esempio più alto della pittura di quegli anni 24 . La datazione della decorazione in San Clemente resta ancora un enigma: gli studiosi l‟hanno posta in relazione con l‟erezione di muri nell‟intercolumnio, a sostegno all‟edificio soprastante 25 . Ciò sarebbe da ricondurre all‟incendio appiccato dai soldati di Roberto il Guiscardo (1084) o al terremoto del 1091 26 . Di recente, invece, si è affermata la tesi che vede le pitture collegate alle ideologie che erano alla base del sinodo del 1078, svolto proprio in questa basilica 27 . Il titolo clementino fu a lungo conteso tra la fazione riformista, di cui facevano artistiche (XI-XII secolo)», Roma 2007, pp. 26-37 ), accogliendo alcune osservazioni di Gandolfo nel suo aggiornamento scientifico al volume di Matthiae, La pittura romana, 1988 e dalla Romano (S. Romano, I pittori.., in Andaloro, Romano, 2001, pp. 133-173), ritiene che per la Roma riformata contavano solo i programmi, mentre le innovazioni o la ripresa di modelli antichi non erano strettamente necessari. Inoltre, Pace ritiene secondario -per veicolare il messaggio della Riforma- il ricorso a procedimenti scenici o decorativi, che attenevano unicamente alle pratiche di bottega, e alle quali i committenti erano certamente estranei. 23 Romano 2001, pp. 151-157. 24 Demus 1969, p. 54; Romano 2007a, p. 26. 25 A. M. Romanini, Il Medioevo, Firenze 1988, p. 220; Bertelli 1994, p. 228; Toubert 1992 [2001], pp. 146- 147. 26 Bertelli, ibidem. L‟opera sicuramente fu terminata prima della decisione di interrare la basilica per motivi di sicurezza e di costruirne una nuova che insisteva sulla struttura sottostante (il cantiere interessò gli anni dal 1102 al 1125, stando al riscontro delle firme sulle bolle pontificie). 27 La Romano non è d‟accordo con la tradizionale datazione che riconduce i pannelli al 1078-1084; nota piuttosto una raffinatezza nella concezione del programma che lo accosta al clima in cui matura il sinodo del 1078 e, di conseguenza, li ritiene eseguiti poco prima. Inoltre, la studiosa avvicina le pitture di San Clemente a quelle del portico meridionale di San Lorenzo f. l. m., anch‟esse contraddistinte da un programma complesso; ne deduce che il committente è quasi certamente il medesimo. Cfr. Romano 2007a, p. 26-28.
Anteprima della tesi: I dipinti murali di S. Benedetto in Piscinula a Roma, Pagina 8

Preview dalla tesi:

I dipinti murali di S. Benedetto in Piscinula a Roma

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Pamela D'andrea
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia dell'Arte
  Relatore: Maria Luigia Fobelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 138

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

apocalisse
giudizio universale
trastevere
s. benedetto in piscinula
riforma gregoriana
renouveau paléochretién
cicli testamentari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi