Dimmi come ti chiami e ti dirò chi sei - di alcuni cognomi pugliesi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 L’onomastica trinomia si afferma a Roma alla fine del VII secolo e riguarda la classe sociale dei liberi, dei cittadini con pieni dirit- ti; si distinguono anche l’AGNOMEN ed il SIGNUM, elementi che in epoca tarda si diffondono largamente a spese del gentilizio e del COGNOMEN. Progressivamente il PRAENOMEN perde la sua funzione di nome individuale, fin dall’epoca repubblicana, poi assunta dal NOMEN e, quindi, dal COGNOMEN o dal SUPERNOMEN. La progressiva perdita di funzionalità di questi elementi si attri- buisce allo scarso numero dei nomi che perciò si ripetono, diven- tano equivoci e scarsamente distintivi. In età imperiale, intorno al III secolo, il sistema ono- mastico si riduce a NOMEN UNICUM, che può essere sia il NOMEN, sia il COGNOMEN, sia un SUPERNOMEN; tali cambiamenti interes- sano prima gli ambienti popolari e l’uso corrente per estendersi, poi, a quello ufficiale ed alle classi più elevate. La crisi del sistema onomastico romano a formula tri- nomia, poi binomia, con la successiva generalizzazione del NOMEN UNICUM, ha varie motivazioni, tra cui la diffusione del cristianesimo che favorisce l’uso di un nome individuale. Fra il IX ed il XVI secolo, si forma un nuovo sistema costituito da nome e cognome determinato dalla fissazione di vari tipi aggiunti, che in origine hanno solo una funzione distintiva per evitare le ambiguità create dalle omonimie, i quali diventano ereditari, e ai fini statali assumono un’importanza superiore al nome personale. Dai documenti risulta che in Italia, a partire dall’XI secolo, per l’identificazione delle persone, si comincia ad introdurre un nome aggiunto che in alcuni casi risulta nome di famiglia o cognome, collettivo e trasmesso ereditariamente, uso che inizia a stabilizzarsi nell’ultima età medievale, tra il XIII e il XIV secolo, ma si fissa definitivamente tra la fine del Cinquecen- to ed il Settecento con la norma, data dal Concilio di Trento del 1563, di tenere regolarmente registrazione degli atti di battesimo e di matrimonio.

Anteprima della Tesi di Angelita Lo Surdo

Anteprima della tesi: Dimmi come ti chiami e ti dirò chi sei - di alcuni cognomi pugliesi, Pagina 7

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Angelita Lo Surdo Contatta »

Composta da 65 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 913 click dal 15/06/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.