Osservazioni sulla malacofauna dulciacquicola in ambito urbano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 INTRODUZIONE L’Organizzazione delle Nazioni Unite ha dichiarato il 2010 “Anno Internazionale della Biodiversità”, con lo scopo di incrementare la consapevolezza sull’importanza della biodiversità e le conseguenze derivanti dalla sua perdita. È un percorso iniziato con la Conferenza di Rio del 1992 (United Nations Conference on Environment and Development), dove 172 governi sottoscrissero la Convenzione sulla Diversità Biologica, poi riconfermata al Summit Mondiale sullo Sviluppo Sostenibile di Johannesburg nel 2002, dove venne dato mandato alla Convenzione di ridurre significativamente la perdita di biodiversità entro il 2010, ossia il cosiddetto Obiettivo 2010. L’Anno Internazionale della Biodiversità rappresenta una importante opportunità per incrementare la comprensione del ruolo che la biodiversità ha nel sostenere la vita sulla Terra. In questo scenario è inserito il Progetto Biodiversità, che ha coinvolto il Dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di Milano e l’Acquario e Civica Stazione Idrobiologia di Milano. Il Progetto Biodiversità si è articolato su più anni, ognuno dedicato ad un diverso ambiente (2007 – Aria; 2008 – Acqua; 2009 – Terra), per poi giungere al 2010 e focalizzarsi sulla Biodiversità a Milano. Il presente lavoro è uno studio sulla biodiversità malacologica dulciacquicola nei parchi cittadini milanesi. Sono stati individuati due parchi: il Parco Sempione, esempio di spazio verde in pieno centro cittadino, e il Parco Nord Milano, esempio di spazio verde alla periferia di un grande conglomerato urbano. In questi due parchi è stata condotta una campagna di campionamenti della durata di 13 mesi, da Giugno 2008 a Giugno 2009, che ha permesso di redigere le checklist delle specie di molluschi dulciacquicoli che popolano gli specchi d’acqua ospitati da queste aree verdi. Questo ha permesso di fare un confronto, sulla base delle presenze-assenze delle specie e sulle loro abbondanze relative, tra le stazioni all’interno dei singoli parchi e tra le aree di studio, che rappresentano realtà diverse per collocazione nella città, superficie ed epoca di realizzazione.

Anteprima della Tesi di Stefano Paolo Riva

Anteprima della tesi: Osservazioni sulla malacofauna dulciacquicola in ambito urbano, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Stefano Paolo Riva Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 531 click dal 19/10/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.