Osservazioni sulla malacofauna dulciacquicola in ambito urbano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 1. MOLLUSCHI Il termine Mollusca fu usato per la prima volta dal geologo francese Cuvier nel 1797 per descrivere un calamaro e una seppia, organismi con una conchiglia ridotta e interna, o totalmente assente. L’etimologia risale al latino mollis → molle, attribuito al corpo muscoloso e privo di scheletro di questi animali. Solo in seguito si compresero le affinità tra queste specie e tutti gli altri molluschi. Il phylum comprende oltre 160.000 specie, di cui 128.000 viventi e 35.000 fossili, che lo rendono il secondo phylum in ordine di grandezza, dietro solo agli artropodi. I molluschi sono animali triblastici, bilateri, protostomi, schizocelomati. Le forme viventi sono organizzate in 8 classi: Caudofoveati, Solenogastri, Poliplacofori, Monoplacofori, Gasteropodi, Bivalvi, Scafopodi, Cefalopodi. Di queste, solo due classi hanno raggiunto l’ambiente dulciacquicolo (Gasteropodi e Bivalvi) e rappresentano gli organismi di interesse per questo lavoro. 1.1 Gasteropodi I Gasteropodi (dal latino gasteros → ventre e podos → piede) presentano un corpo in cui si possono distinguere cinque regioni: il capo, che porta i tentacoli, gli occhi e la bocca; il piede, che è essenzialmente un organo locomotore; il sacco viscerale, al cui interno si trovano lo stomaco, la ghiandola digestiva, il cuore, i reni e le gonadi; il mantello, che ricopre la massa dei visceri, delimita la cavità palleale e secerne la conchiglia; la conchiglia, che è un esoscheletro di protezione e di sostegno. La classificazione tassonomica dei Gasteropodi è molto discussa e in continua revisione; le uniche due sottoclassi che hanno colonizzato le acque interne sono i Polmonati e i Prosobranchi.

Anteprima della Tesi di Stefano Paolo Riva

Anteprima della tesi: Osservazioni sulla malacofauna dulciacquicola in ambito urbano, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Stefano Paolo Riva Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 531 click dal 19/10/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.