Skip to content

Instabilità e crisi finanziaria: il caso dell'Irlanda

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
2. Le basi teoriche 2.1 Fisher e la Grande depressione del 1929-32 “Stock prices are not too high and Wall Street will not experience anything in the nature of a crash” (cit. in Pavanelli, 2001, p. 5). Il crollo del mercato azionario del 1929 e la conseguente Grande Depressione colsero Fisher 3 , come la maggior parte delle élites economiche e finanziarie del paese, del tutto alla sprovvista e impreparati. Impegnato in prima persona ad investire nel mercato azionario e con un grosso patrimonio in gioco, fino a pochi giorni prima del “martedì nero” del 29 ottobre 1929 rilasciò ai giornali dichiarazioni ottimistiche e rassicuranti sul fatto che “The refluent wave of trading has left prices of securities, and especially of common stocks, on a shelf where they will remain 3 Fisher nacque a Saugerties, NY , il 27 febbraio 1867. Assai portato per le scienze matematiche, fu ammesso all'Università di Yale quando il padre morì, all'età di 53 anni. La figura paterna, insegnante e ministro del culto congregazionista, rimase un punto di riferimento nella vita dell'economista, e all'etica paterna risale il desiderio di riuscire a essere un membro concretamente utile alla società in cui viveva. Nonostante il suo talento si esprimesse al meglio nella matematica pura, scelse un dottorato in economia – tra i primi rilasciati a Yale - in quanto la scienza economica gli parve la più adatta a fornire un contributo effettivo e tangibile alla sfera sociale. La sua carriera accademica si svolse interamente presso l'università di Yale: i suoi interventi, divulgativi nello stile, apparvero su giornali e riviste, non solo specializzati ma anche a grande diffusione. Dal punto di vista economico si dedicò allo studio dei comportamenti monetari, introducendo la variabile temporale nei processi di compravendita, indispensabile ai fini dello studio dell'inflazione. In questo modo cambia la composizione del valore di beni e servizi, non più funzione della sola quantità dei beni presenti sul mercato ma anche del momento in cui essi sono scambiati. Il prezzo relativo dei beni acquistati ora (t) è differente rispetto a quello degli stessi beni acquistati in futuro (t+1). A lui si deve anche la distinzione tra tasso d'interesse reale e tasso d'interesse nominale (formalizzata in quella che venne poi ricordata come Equazione di scambio o Equazione di Fisher → R = i-πe dove r e i sono rispettivamente il tasso d'interesse reale e quello nominale e l'inflazione è una misura dell'aumento del livello dei prezzi) - e l'uso costante dell'analisi statistica, derivante dal suo background matematico, applicata ai dati macroeconomici. Prima dello scoppio della crisi del '29 mantenne un forte ottimismo. La gravità della crisi lo spinse a riconsiderare le sue aspettative e a cercare nuove spiegazioni per quel che era successo. Da quest'evento nacque la debt-deflation theory, e il suo rinnovato impegno ad intervenire attivamente nella vita della Nazione, suggerendo soluzioni di politica economica ai governanti di turno. Fisher viene ricordato come uno dei protagonisti della vita e del dibattito pubblico americano dell'inizio del '900, su temi anche non prettamente economici. Ad essi infatti affiancò il ruolo di appassionato paladino della salute ed eugenista. La morte avvenne a New York il 29 aprile del 1947 (cfr. Cohrssen, 1991e Pavanelli, 2001). 9
Anteprima della tesi: Instabilità e crisi finanziaria: il caso dell'Irlanda, Pagina 6

Preview dalla tesi:

Instabilità e crisi finanziaria: il caso dell'Irlanda

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Ferrando
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: comunicazione multimediale e di massa
  Relatore: Lino Sau
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 257

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi