Skip to content

Smart Cities. Definizioni e confronti

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
12 L’eterogeneità delle definizioni presentate dimostra come il concetto di Smart Cities, venga modellato a seconda della necessità e dell’interesse prevalente dell’ente promotore del progetto Smart Cities. Tuttavia, nonostante le varie sfa c- cettature, alcune definizioni presentano delle analogie: l’interesse per la comp e- titività e la crescita economica attraverso l’utilizzo della te cnologia, e la tutela e l’ottimizzazione delle risorse naturali , ritenuta una delle principali problematiche che le città del XXI secolo devono affrontare. 1.2 Verso una visione condivisa di Smart City La mancanza di una definizione univoca, da origine ad una serie di fraintendi- menti e distorsioni del significato del concetto di Smart Cities. Parte del proble- ma, riguarda proprio il modo e la varietà in cui viene impiegato il termine. Spesso si confonde l’espressione “città intelligente” con una vasta gamma di t ermini quali “città cablata” , “città digitale” , “città creativa” e così via, quando in realtà questi hanno significati diversi. Per esempio quando si parla di “città cablata” , ci si riferisce alla costruzione di una rete di fibre ottiche che collega le abitazioni di una città a un servizio di co- municazione interattiva innovativo (che non è necessariamente intelligente). La terminologia “città digitale” , invece, è usata per parlare delle esperienze di tele- matica pubblica che hanno sviluppato la metafora della città che si riproduce con i suoi conflitti, luoghi d’incontro e di scambio, nello spazio comuni cativo delle reti telematiche, ossia nel cosiddetto cyberspazio. Mentre, per “città creativa” c o- munemente s’intende un modello di sviluppo urbano largamen te trainato dalla presenza di quella che Richard Florida chiama classe creativa 10 , ossia professioni- sti altamente qualificati che attraverso l’uso delle tecnologie diffuse nel territ o- rio, sono in grado di creare una città competitiva, aperta e creativa. Come si è potuto osservare nelle precedenti definizioni, talvolta l’aspetto pr e- dominante nel concetto di Smart City sembra essere quello tecnologico, in parti- colare al centro dell’idea di Città Intelligente 11 vi sono le tecnologie ICT – Infor- mation Communication technology (alle quali sarà dedicato un intero capitolo). 10 Nel suo bestseller “The Rise of the Creative Class”, Richard Florida (2002) descrive in tutti i suoi aspetti, la nuova classe creativa, i cui membri svolgono lavori la cui funzione è quella di creare «meaningful new forms». Florida definisce la classe creativa come una classe economica, il cui nucleo centrale è costituito da persone che lavorano nel campo della scienza e ingegneria, archi- tettura e design, educazione, arte, musica e divertimento, la cui funzione economica è quella di creare nuove idee, nuove tecnologie e/o nuovo contenuto creativo. Attorno a tale nucleo, la clas- se creativa include un gruppo ampio di professioni creative nel business e nella finanza, nella leg- ge, nella salute e nei campi correlati. 11 GRAHAM S. (2002), Bridging urban digital divides: urban polarisation and information and communication technologies (s), Urban Studies 39(1), pp. 33–56. Secondo l’idea di Graham, le ICT, tra cui linee telefoniche mobili e fisse, TV satellitari, reti informatiche, commercio elettronico e servizi internet, sono una delle principali forze economiche che possono guidare le città e le re- gioni urbane, producendo numerosi effetti sociali e spaziali.
Anteprima della tesi: Smart Cities. Definizioni e confronti, Pagina 10

Preview dalla tesi:

Smart Cities. Definizioni e confronti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Pandini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Politecnico di Torino
  Facoltà: Architettura
  Corso: Pianificazione territoriale urbanistica e ambientale
  Relatore: Riccardo Bedrone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 109

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ict
sostenibilità ambientale
classe creativa
inclusione sociale
smart cities
smart mobility
smart environment
smart tecnology

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi