Neuropsicologia della lettura e dislessia evolutiva

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 ambito. L ’intento è quello di giungere a teorie che si dimostrino sempre più adeguate e soprattutto a metodi riabilitativi che siano di reale beneficio per i dislessici. 1.2 Meccanismi visivi e lettura: brevi accenni sull’anatomia e la fisiologia del sistema visivo Il controllo visivo dell’oculomozione è governato da una rete di neuroni che funzionano in parallelo, quello Magnocellulare (M) o “transiente” e quello Parvocellulare (P) o “sostenuto”. Queste due vie originano dalla retina rispettivamente con le cellule “M”, di dimensioni maggiori e campi recettivi più ampi e distribuiti abbastanza uniformemente in ogni parte della retina (Magnocellulare deriva dalla radice latina “magn” che significa “ grande”). I neuroni M non sono sensibili ai colori, essi rispondono intensamente a stimoli in movimento e a pattern visivi globali e ampi, ma non ai dettagli. La specializzazione di questi neuroni è nella codifica della localizzazione spaziale dell’oggetto (il “Dove”). Le cellule “P” con corpi cellulari inferiori e campi recettivi piccoli sono adatti all’identificazione dei dettagli e localizzati prevalentemente nella fovea e nelle aree ad essa circostanti (il termine deriva dalla radine latina “parv” che significa “piccolo”). Queste cellule sono altamente sensibili ai colori: ogni neurone viene eccitato da alcuni colori ed inibito da altri. L’alta sensibilità ai dettagli e ai colori è dovuto al fatto che i neuroni parvocellulari sono localizzati all’interno e nelle zone adiacenti alla fovea, dove si riscontra la maggiore concentrazione di coni. La specializzazione di questi neuroni è nella codifica delle proprietà figurali dell’oggetto (il “Cosa”). Entrambi i tipi di neuroni sono di tipo gangliare e proiettano rispettivamente al nucleo genicolato laterale del talamo. La maggior parte delle informazioni provenienti dal nucleo genicolato laterale del talamo raggiungono in primo luogo la corteccia visiva primaria nota anche come area V1 o corteccia striata così chiamata per il suo aspetto a strisce (lobo occipitale). La corteccia striata

Anteprima della Tesi di Cinzia Battaglia

Anteprima della tesi: Neuropsicologia della lettura e dislessia evolutiva, Pagina 5

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Cinzia Battaglia Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6880 click dal 24/10/2012.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.