Skip to content

Esperienze futuriste tra Parma e Piacenza

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo primo – Inquadramento storico-artistico del movimento futurista 11 Alla passione per la macchina e il progresso faceva da contrappunto il fastidio per il mondo organico e naturale, palesato nel secondo manifesto scritto da Marinetti nell’aprile del 1909: Tuons le clair de lune!, poi tradotto in Uccidiamo il chiaro di luna. Con perfetto spirito antiromantico in questo testo si lodavano le «lune elettriche» dei lampioni e dei fanali delle automobili, ben piø importanti per i futuristi del soffuso chiarore della luce lunare, dando luogo così ad una vera e propria dichiarazione di guerra a tutti i sentimentalismi che per anni avevano ammorbato la letteratura e l’arte. Figlio dell’età delle macchine e immune da ogni memoria storica, il capo del Futurismo lanciò il suo appello «a tutti gli uomini vivi della terra», rivendicando al contempo il diritto alla “follia” ed il valore della condizione infantile intesa come stato di gioia e di libertà in grado di riesumare la verginità originaria dell’immaginazione, elementi, questi, ripresi dalla cultura decadentista e simbolista alla luce della quale si era formato durante i suoi studi condotti tra Francia e Italia alla fine del XIX secolo. Nei primi anni del Novecento Marinetti aveva già raggiunto la notorietà pubblicando su riviste milanesi e parigine poesie di stampo simbolista e liberty in lingua francese, che avevano suscitato l’attenzione di poeti come Catulle Mendès e Gustave Kahn, uno dei primi proclamatori del verso libero. Nel 1905 aveva fondato la rivista milanese «Poesia» che, prima di divenire organo ufficiale del Futurismo, aveva ospitato principalmente autori simbolisti: non stupisce dunque che ancora nel 1909 si appoggiasse a stilemi simbolisti, evidenti nella prosa poetica dei primi manifesti, ricchi di metafore, allegorie e immagini che evocano il piacere della sensazione. Emblematica di questa fase è la collaborazione con Gian Pietro Lucini, poeta alfiere del simbolismo nostrano intento a svecchiare la cultura letteraria italiana. Per lui l’atto di ribellione contro il principio d’autorità era rappresentato dall’utilizzo del verso libero desunto dalla tradizione francese di fine Ottocento, che diveniva così il mezzo piø consono per trasferire in poesia la realtà del mondo moderno. Marinetti sostenne in un primo momento questa tesi dando vita con Lucini all’inchiesta sul verso libero lanciata da «Poesia» nel
Anteprima della tesi: Esperienze futuriste tra Parma e Piacenza, Pagina 6

Preview dalla tesi:

Esperienze futuriste tra Parma e Piacenza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marcello Ghiretti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Conservazione dei Beni Culturali
  Relatore: Doloris Gloria Bianchino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 252

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

futurismo
marinetti
paroliberismo
giuseppe steiner
piero illari
osvaldo bot
grafopoesia
serate futuriste
renzo provinciali
parole in libertà
tavole parolibere
rovente
precipitati psichici
stati d'animo disegnati

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi