Cooperazione Internazionale allo Sviluppo e Tutela Ambientale: Il Caso Cinese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 soprattutto di una forma piuttosto moderna di cooperazione, quella di tipo ambientale. Dopo averne individuato le caratteristiche e gli strumenti principali, l‟analisi si è concentrata sul sistema di governance ambientale internazionale in seno alle Nazioni Unite, evidenziandone le debolezze e il bisogno fino ad ora insoddisfatto di un‟opportuna riforma. Sebbene attualmente la tutela ambientale risulti essere solo un aspetto delle politiche per lo sviluppo, recenti trasformazioni sembrano modificare le priorità fino ad ora individuate, dando dunque sempre più importanza a tematiche quali sviluppo sostenibile e green economy: la seconda parte del presente lavoro si chiude con alcune riflessioni sulla recente conferenza di Rio+20, cercando di interpretarne le implicazioni future. Si giunge quindi, con il terzo capitolo al corpus dell‟indagine, ovvero alla riflessione sul futuro della Cina e alle sfide che dovrà affrontare, unita all‟analisi approfondita dei concetti di crescita, sviluppo ma soprattutto di tutela ambientale, relativi a questo Paese e alle sue forti contraddizioni. Se la Cina dovesse concretizzare effettivamente gli obiettivi promessi, necessari alla realizzazione di quella “società armoniosa” verso cui punta nelle dichiarazioni ufficiali, allora potrebbe davvero raggiungere uno sviluppo realmente moderno, in linea con le disposizioni della comunità internazionale. Si è cercato

Anteprima della Tesi di Guido Morra

Anteprima della tesi: Cooperazione Internazionale allo Sviluppo e Tutela Ambientale: Il Caso Cinese, Pagina 4

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Guido Morra Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4499 click dal 29/10/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.