Skip to content

La Costituzione del 3 maggio 1791. Evoluzione e rivoluzione in Polonia alla fine del XVIII secolo.

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
11 ognuno la propria Tesoreria ed i propri Hetman 15 , i capi delle forze armate 16 . Il potere, nel periodo che intercorreva fra una convocazione del Sejm ed un’altra, era in mano alla nobiltà locale che amministrava le sue terre come fossero del tutto indipendenti da Varsavia. Per mantenere il proprio status e le proprie prerogative i nobili non esitavano, in occasione di gravi tumulti o malumori sociali, a richiamare il principio della złota wolność e ad unirsi in Confederazione contro il sovrano, giustificando la loro lotta con gli antichi ed ormai vacui princìpi della suprema aurea libertas della Nazione per contrastare le mire assolutistiche tipiche di ogni regnante. La possibilità di unirsi in Confederazione rappresenta l’ultimo tassello per capire la debolezza diplomatica e militare della Rzeczpospolita al momento dell’ascesa alla suprema magistratura di Stanislao II Augusto nel 1764. La “vecchia Costituzione” prevedeva, infatti, la possibilità di ribellarsi all’autorità regia organizzando una sorta di Sejm alternativo a quello statale (konfederacja) nel quale dibattere proposte e riforme per poi passare, come spesso è accaduto, alla lotta armata. Nell’assemblea confederata si votava a maggioranza, dando quindi più slancio all’attività legislativa poiché si evitava il liberum veto. 1.3. Economia 17 . La Repubblica, nella seconda metà del XVIII secolo, traeva gran parte delle proprie entrate dalla produzione e dal commercio di derrate alimentari provenienti dal settore primario. Le merci venivano scambiate via terra con i paesi limitrofi e via mare tramite lo strategico porto di Danzica sul Mar Baltico, cui molti prodotti giungevano dall’entroterra attraverso l’importante arteria commerciale della Vistola. La produzione manifatturiera era limitata a pochi oggetti decorativi destinati ad una clientela nobiliare o comunque agiata. Non vi erano, salvo rari ed isolati casi, produzioni industriali in senso moderno. La popolazione cittadina non aveva ancora sviluppato lo spirito imprenditoriale che già contraddistingueva i borghesi britannici, francesi ed olandesi; la gestione degli affari nelle città – o meglio, poco al di fuori di esse – era di fatto in mano alle comunità ebraiche che non godevano comunque di alcun diritto politico, pur rappresentando il dieci per cento della popolazione nazionale. Nelle parole dello storico Jerzy Łukowski, “the Polish bourgeoisie was a pathetically frail creature […] The wealthiest ‘bourgeois’ outside Warsaw were Jews, who scarcely registered in the spectrum of political rights before the Diet’s closing months. Poland scarcely had a 15 Tradotto in italiano con “Etmano” o “Atamano”, grado militare più alto nella Repubblica. 16 Cfr. Appendice 2. 17 Si fa riferimento a Gieysztor, Aleksander, op.cit. e Bogucka, Maria, Baltic commerce and urban Society, 1500- 1700. Gdańsk/Danzig and its Polish Context, Ashgate Variorum UK-USA, 2003.
Anteprima della tesi: La Costituzione del 3 maggio 1791. Evoluzione e rivoluzione in Polonia alla fine del XVIII secolo., Pagina 9

Preview dalla tesi:

La Costituzione del 3 maggio 1791. Evoluzione e rivoluzione in Polonia alla fine del XVIII secolo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Jacopo Bencini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Studi Internazionali
  Relatore: Sandra Cavallucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 106

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

costituzione
polonia
rousseau
res publica
diritto polacco
storia della polonia
varsavia
3 maggio 1791
costituzione del 3 maggio
polonia-lituania
confederazione polacco-lituana
szlachta
sejm
stanislao augusto
poniatowski
kollataj
mably
scipione piattoli
caterina ii
storia polacca
diplomazia polacca
spartizioni
danzica
nobiltà polacca

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi