Skip to content

La clausola di irrilevanza del fatto nel processo penale minorile

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 vedere con un incremento della cifra della criminalità lato sensu inteso, poiché il primo consiste in un aumento della criminalità dovuto al fatto che la legge colpisce e punisce tutti quei fatti conformi alle fattispecie legali, benché esigui, mentre il secondo consiste in un aumento della criminalità dovuto al fatto che la legge prevede nuove fattispecie incriminatrici, volte a colpire condotte prima tollerate 11 . Consapevoli del problema, gli ordinamenti giuridici di alcuni stati europei (Austria, Germania, Francia, Portogallo, Italia) 12 comporta, a sua volta, il superamento della sanzione e della potestà rieducativa - correzionale. hanno tentato di arginare il fenomeno prevedendo tutta una serie di strumenti che si potrebbero accomunare col termine "depenalizzazione". A tal proposito occorre distinguere due diverse species del genus depenalizzazione: la depenalizzazione "in astratto", che consiste nella razionalizzazione del sistema penale (quale, ad esempio, la trasformazione di illeciti penali in illeciti amministrativi e la scelta di politica criminale di concentrare le risorse in quei settori della criminalità di maggiore allarme sociale) e la depenalizzazione "in concreto" che, invece, consiste nella esclusione della punibilità o nella improcedibilità di fatti concretamente esigui. Scopo primario della depenalizzazione in concreto è quello di limitare l'ambito "verticale" di applicazione di fattispecie incriminatrici che sanzionano fatti gravi, fatti medi, ma anche fatti lievi, ossia privi di un significativo disvalore, così da riservare soltanto nei confronti dei primi due l'intervento 11 R. BARTOLI, L'irrilevanza penale del fatto. Alla ricerca di strumenti di depenalizzazione in concreto contro la ipertrofia c.d. "verticale" del diritto penale, in Riv. It. di dir. e proc. pen., 2000, p. 1474-1476, individua e descrive le principali cause dell'ipertrofia verticale. Il primo fattore riguarda i processi di democratizzazione e di laicizzazione degli Stati moderni: il processo di democratizzazione, ampliando le libertà individuali avrebbe incrementato anche i casi in cui i singoli possono deviare dai modelli comportamentali imposti; il processo di laicizzazione avrebbe invece condotto ad una "relativizzazione" dei valori religiosi e morali (fattori istituzionali). Il secondo fattore riguarda la c.d. perdita di identità dell'autore, dal momento che rispetto al passato la pena non è più in grado di produrre quegli effetti di prevenzione generale derivanti dalla stigmatizzazione del condannato (fattore sociale). Un terzo fattore è determinato dalla c.d. perdita di identità della vittima, che avrebbe favorito sia sul piano materiale che su quello psicologico la commissione di reati di modesta entità (fattore legato al progresso tecnologico). Bartoli evidenzia poi, quale principale inconveniente legato al fenomeno di ipertrofia verticale del diritto penale, l’incapacità della struttura giudiziaria di affrontare la crescente domanda di procedimenti, con conseguenti effetti negativi sulla funzionalità dell'intero sistema processuale. 12 Per un'analisi approfondita delle soluzioni adottate da alcuni ordinamenti europei in riferimento a fatti in concreto esigui, si veda R. BARTOLI, L'irrilevanza penale del fatto. Alla ricerca di strumenti di depenalizzazione in concreto
Anteprima della tesi: La clausola di irrilevanza del fatto nel processo penale minorile, Pagina 9

Indice dalla tesi:

La clausola di irrilevanza del fatto nel processo penale minorile

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Veronica Marrapodi
Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
Anno: 2011-12
Università: Università Carlo Cattaneo - LIUC
Facoltà: Giurisprudenza
Corso: Giurisprudenza
Relatore: GianlucaVarraso
Lingua: Italiano
Num. pagine: 178

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

processo penale minorile
irrilevanza del fatto
irrilevanza penale
clausola di irrilevanza
particolare tenuità del fatto
art.27 d.p.r. n.448 del 1988
scarsa rilevanza del fatto
irrilevanza sociale del fatto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi