Skip to content

Testamento biologico e principio di Autodeterminazione

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 debba essere rivolta solo alle leggi che gli uomini si sono prescritti da soli. Questa concezione venne ad essere ripresa direttamente dalla Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino emanata in Francia nel 1789. All’interno di questo documento la libertà e i diritti che ne derivano erano inseriti in un contesto dove l’idea predominante era il concetto di volontà generale come fonte della legge: quest’ultima aveva il potere di limitare i diritti di libertà ed il loro esercizio imponendo cosa era legittimo e cosa non lo era. In altre parole in questo sistema prevaleva il dominio della volontà collettiva sulla volontà individuale e tale modo d’interpretare i diritti di libertà divenne da tipico della società francese post rivoluzionaria a dominante della società europea-continentale, grazie all’espansione napoleonica. Tale modo di concepire i diritti di libertà permane ancora oggi, soprattutto nel nostro paese, con evidenti problemi nei confronti delle situazioni che i legislatori hanno omesso di disciplinare per dimenticanza o per convenienza. I principi della bioetica si legarono fin da subito intorno ad argomenti che avevano sia implicazioni etiche che implicazioni giuridiche dando vita ai biodiritti e creando a livello dottrinale problemi sulla loro tutela e la loro applicazione. L’uso dei biodiritti, il loro riconoscimento e la soluzione dei problemi e dei quesiti posti risulta oggi essere molto diversa tra i vari paesi e soprattutto tra gli ordinamenti di civil law e common law. Quest’ultimo soprattutto negli Stati Uniti ha dato vita a famosi casi giurisprudenziali e ad una fitta regolamentazione che spazia dal Living Will, ai diritti dei pazienti, fino alla fecondazione assistita. Sulla scia dell’esempio nord-americano i paesi europei hanno iniziato ad emanare atti normativi diretti a regolare tali situazioni e negli ultimi anni, anche grazie alle richieste e alla sensibilizzazione della società in alcuni paesi si è giunti a soluzioni piuttosto importanti. Il nostro paese si attesta in questo ambito come il fanalino di coda dell’Europa, dove poco è stato fatto e molto male. L’unica figura importante per la riflessione bioetica in Italia è il Comitato Nazionale di Bioetica, creato con il DPCM 28 marzo 1990 ed emanato a seguito della risoluzione in 06-000038 del 1988 della Camera dei Deputati. Il CNB è un organismo stabile e consultivo con il compito di emanare pareri e realizzare l'analisi dei risultati della ricerca scientifica e informare l’opinione pubblica. Il comitato ha anche funzione di consulenza verso il lavoro del Governo e del Parlamento e mantiene collegamenti con analoghi organismi di altri paesi e con il Consiglio d’Europa. Il problema fondamentale del suo lavoro è che i pareri e le raccomandazioni
Anteprima della tesi: Testamento biologico e   principio di Autodeterminazione, Pagina 9

Indice dalla tesi:

Testamento biologico e principio di Autodeterminazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Cristiana Rossi
Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
Anno: 2011-12
Università: Università degli Studi di Siena
Facoltà: Giurisprudenza
Corso: Giurisprudenza
Relatore: GiovanniCosi
Lingua: Italiano
Num. pagine: 290

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi