Economia dei cambiamenti climatici e vulnerabilità nei paesi in via di sviluppo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1.3 Il Quarto Rapporto di Valutazione - I Principi Fisici di Base Il Gruppo di Lavoro I rappresenta la base scientifica in materia di cambiamenti climatici e il punto di partenza per i decisori politici. Dal 1990 ci sono stati numerosi progressi scientifici: un numero di dati nuovi e più completi, analisi più sofisticate di tali dati, miglioramenti nella comprensione dei processi e nella loro simulazione tramite modelli. Esso descrive i progressi raggiunti nella comprensione dell'apporto antropico e naturale ai cambiamenti climatici, dei cambiamenti climatici osservati, dei processi climatici e delle loro relazioni di causa-effetto (attribution) e della valutazione delle proiezioni dei cambiamenti climatici futuri. Contributi naturali e antropici al cambiamento climatico • Le concentrazioni globali in atmosfera dei principali gas serra, come l’anidride carbonica e il metano, sono notevolmente aumentate a causa dell’attività umana dal 1750 (anno di riferimento del periodo preindustriale). La concentrazione globale di CO2 è aumentata da un valore preindustriale di 280 ppm (parti per milione) a un valore di 379 ppm nel 2005, che supera i valori massimi degli ultimi 650.000 anni (da 180 a 300 ppm) come determinato dall’analisi delle carote di ghiaccio. • le attività umane hanno provocato dal 1750 un riscaldamento climatico, che è notevolmente più elevato di quello provocato dall’attività solare. • La comprensione dell’influenza antropogenica nel riscaldamento e nel raffreddamento del clima è migliorata rispetto al TAR, portando alla conclusione, con confidenza molto elevata (“very high confidence”), che l’effetto globale medio netto delle attività umane dal 1750 sia stato una causa di riscaldamento. Osservazioni dei cambiamenti climatici recenti • Gli anni dal 1995-2006 sono stati fra i più caldi mai registrati da quando è nata la meteorologia moderna (1850). • il trend di riscaldamento lineare per gli ultimi 50 anni è quasi il doppio di quello 5

Anteprima della Tesi di Massimo Ingegno

Anteprima della tesi: Economia dei cambiamenti climatici e vulnerabilità nei paesi in via di sviluppo, Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Massimo Ingegno Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1534 click dal 21/11/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.