Il concetto di malattia nelle opere di Goldstein e Canghuilem

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

È questo il punto di partenza delle analisi di Comte, il quale, elevando ad assioma il postulato di Broussais, che afferma che un’ipotetica normalità statistica viene a coincidere con la salute, allo stesso modo in cui saranno reputati patologici, o in ogni caso anormali, e quindi preoccupanti e potenzialmente pericolosi, tutti quei valori che dovessero ricadere al di fuori delle prime due deviazioni standard. Il nostro stato di malattia dunque corrisponde al semplice eccesso o difetto di sollecitazione dei nostri tessuti e delle nostre facoltà psicologiche. Riportare l’organismo ancora una volta all’interno di questi valori, tramite opportuni aggiustamenti dei suoi ritmi biologici, sarà dunque il compito della scienza medica, e l’adattarsi alle frequenze dei caratteri fenotipici della specie l’ obbiettivo da raggiungere al fine di riottenere lo stato di salute ottimale. La ricerca della salute è così ridotta alla riconduzione dei parametri fisiologici entro una consolante parentesi di valori statistici, circoscritta dalle due canoniche deviazioni standard competenti ad ogni razza. È chiaro come tal espressione sia un’equivalenza semantica quanto mai ingiustificata: cosa è che ci può in fondo assicurare che quello che noi chiamiamo un valore normale sia anche un valore sano, e, soprattutto, che un valore che non cada entro le prime due deviazioni standard sia patologico? Chi ha il potere oltretutto di determinare queste ipotetiche deviazioni, considerando le infinite variabili che concorrono a fare della media un concetto assai astratto? Potrebbero darsi infiniti casi in cui la deviazione di un singolo individuo non rispecchi assolutamente quella che sia considerata la deviazione media della popolazione; o casi in cui i valori cosiddetti "normali" di popolazioni differenti siano totalmente differenti l’uno dall’altro, ma entrambe le 11

Anteprima della Tesi di Michele Anoardi

Anteprima della tesi: Il concetto di malattia nelle opere di Goldstein e Canghuilem, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Michele Anoardi Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 761 click dal 29/11/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.