Skip to content

Identificazione proiettiva, double bind, schizofrenia

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 bambino dovuta ad attacchi di fame o ad altri bisogni primari nella forma di pianti, grida e lamenti, affinché vengano restituiti al bambino, istituiti di senso. L’incapacità di rêverie materna pone il bambino in una condizione di fraintendimento, effetto ottenuto anche da ciò che Bateson definì double bind. Nel secondo capitolo si analizza l’elaborazione del concetto di double bind attraverso l’evoluzione del pensiero di Gregory Bateson: la riflessione epistemologica che lo accompagnò per tutto il suo percorso, orientata alla ricerca dell’unità sistemica tra le cose, i lavori etnografici con il confronto tra l’interazione cumulativa schismogenetica e quella continuativa di Bali, la riflessione sull’arte, sul gioco e sui paradossi della comunicazione che lo portarono alla formulazione della teoria della schizofrenia attorno al double bind. Il doppio vincolo è quella situazione in cui il soggetto si trova quando in un contesto d’apprendimento di vitale importanza per la propria sopravvivenza convivono un messaggio e un meta-messaggio in contraddizione tra loro, ma allo stesso tempo imprescindibili. Inizialmente definito come fattore eziologico della schizofrenia il double bind venne successivamente rivisto alla luce dei precedenti studi effettuati e rielaborato come comune denominatore delle “sindromi transcontestuali”, tra cui la schizofrenia è solo una delle possibile forme, insieme all’arte, alla poesia e alla comicità. Nel secondo capitolo si evidenzia inoltre l’influenza esercitata dal pensiero batesoniano sulla nascita e lo sviluppo della terapia familiare. Contestualmente sono presentate le riflessioni filosofiche espresse da Deleuze e Guattari sulla schizoanalisi e le critiche alla riduzione familiarista delle teorie psicanalitiche e strategiche, inadeguata per la comprensione della schizofrenia, fenomeno che secondo i due autori sfora i confini della famiglia. L’ultimo capitolo, di interesse principalmente empirico, integra i primi due prettamente teorici, con la presentazione della nascita, dello sviluppo e delle attuali pratiche terapeutiche della clinica La Borde e della psicoterapia istituzionale. La Borde, una clinica situata a Cour-Cheverny, piccolo comune nella regione del Centro della Francia, venne fondata nel 1953 da Jean Oury e diretta per molti anni anche da Félix Guattari, che lavorò a La Borde dal 1955 fino alla sua morte nel 1992. Questa realtà, nata sulle basi della psicanalisi lacaniana, non si chiuse mai in sé stessa, mostrandosi fin dall’apertura un luogo all’avanguardia per la cura delle malattie mentali, recettiva alle
Anteprima della tesi: Identificazione proiettiva, double bind, schizofrenia, Pagina 5

Preview dalla tesi:

Identificazione proiettiva, double bind, schizofrenia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Danila Guerini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Psicologia Clinica
  Relatore: Pietro Barbetta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 100

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
melanie klein
creatività
simbolismo
deleuze
psicosi
schizofrenia
relazioni oggettuali
identificazione proiettiva
double bind
posizione depressiva
sviluppo infantile
wilfred bion
posizione schizoparanoide
reverie materna
prassi terapeutiche
psicoterapia istituzionale
clinica la borde
jean oury
sindrome transcontestuale
epistemologia
linguaggio
bateson
guattari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi