Stili di attaccamento e psicopatologia della relazione: il fenomeno dello stalking

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 INTRODUZIONE Questo lavoro rappresenta un’approfondita riflessione in ambito della psicologia dello sviluppo sul fenomeno stalking, purtroppo ancora sconosciuto da molti, sul quale si cerca di far luce, per capirne così i motivi sottostanti che rendono un essere umano così aggressivo e persecutore indesiderato della sua vittima. Nel primo capitolo ho voluto tracciare una descrizione alquanto dettagliata riguardante le caratteristiche dello stalking e le sue diverse ma nel contempo simili definizioni. Con il termine stalking s’intende un’insieme di comportamenti ripetuti ed intrusivi di sorveglianza e controllo, di ricerca di contatto e comunicazione nei confronti di una “vittima” che risulta infastidita e/o preoccupata da tali attenzioni e comportamenti non graditi. Successivamente mi sono soffermata sull’espansione del fenomeno nei diversi Stati Europei e nel continente Americano grazie ai quali vi è stata la massima divulgazione del termine stalking . Nel secondo capitolo, vengono esplorati i soggetti che caratterizzano tale fenomeno, descrivendo in dettaglio le strategie comportamentali adottate da uno stalker per “cacciare la preda”; inoltre ci si è soffermati sulle cause scatenanti dello stalking, ossia sui legami e gli stili di attaccamento che hanno avuto nell’infanzia i soggetti sofferenti oggi di questa psicopatologia. Cosi facendo ho cercato di analizzare la figura del molestatore, approfondendo la sua conoscenza, sia dal punto di vista sociale,

Anteprima della Tesi di Lorena Esposito

Anteprima della tesi: Stili di attaccamento e psicopatologia della relazione: il fenomeno dello stalking, Pagina 2

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Lorena Esposito Contatta »

Composta da 48 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6066 click dal 06/12/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.