Le aree valutarie ottimali. Il caso UME: critiche ai criteri di Mundell, trilemmi europei di politica economica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 Figura 1.1: Domanda e offerta aggregata in Francia e Germania I suffissi contrassegnati dalla “f” si riferiscono alla Francia, mentre la “g” alla Germania. In Francia come risultato, quasi sicuramente si avrà un aumento della disoccupazione 4 derivante da una diminuzione della produzione; il contrario avverrà in Germania. Entrambi i paesi si trovano quindi dinnanzi ad un problema di aggiustamento. Esistono due meccani- smi che ristabiliscono: la flessibilità del salario e la mobilità del lavoro. 1. La flessibilità salariale: se i salari sono flessibili in Francia si noterà una diminuzione delle richieste salariali, mentre in Germania l’eccesso di domanda di lavoro spingerà verso l’alto il saggio del salario. La diminuzione del saggio di sala- rio in Francia porterà la curva dell’offerta aggregata verso il basso, il contrario accadrà in Germania (figura 1.2). 4 Op.cit. Mundell (1961) p. 658: “Suppose first that the entities are countries with national currencies. The shift of demand from B to A causes unemployment in B and inflationary pressure in A”. D g Pf Yf Pg Yg Df Sf Sg Dg

Anteprima della Tesi di Giovanni Federico

Anteprima della tesi: Le aree valutarie ottimali. Il caso UME: critiche ai criteri di Mundell, trilemmi europei di politica economica, Pagina 8

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Giovanni Federico Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 967 click dal 11/12/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.